Italia

Buran soffia sull’Italia: Roma ricoperta dalla neve

Non succedeva da sei anni. Il Colosseo e il cupolone imbiancati incantano cittadini e turisti, ma non sono mancati i disagi

Chiamatelo Buran, bora o buriana, come dicevano i nostri nonni, il risultato non cambia. L’ondata di gelo siberiano, tanto attesa quanto temuta, è arrivata. E tante città si sono risvegliate ricoperte dalla neve. I tetti di Roma non hanno fatto eccezione. I primi fiocchi sulla Capitale sono caduti intorno alle 2, aumentando via via d’intensità fino a imbiancare gran parte della città fino al litorale romano. Panorami mozzafiato, tra Colosseo e Cupolone di San Pietro ricoperti dal manto bianco, incantano cittadini e turisti. Il maltempo che dopo aver portato forti nevicate e temperature sotto zero al nord, si sta spostando lungo lo stivale investendo più direttamente il centro del Paese, la Puglia, la Basilicata e la Campania ma il freddo raggiungerà anche l’estremo sud e le isole maggiori, con temperature che arriveranno a toccare anche i 10 gradi al di sotto delle medie stagionali.

LEGGI ANCHE: Voglio andare a vivere in città

TRASPORTI IN TILT. Ma sapere che Buran avrebbe determinato precipitazioni insolite per la Capitale non è bastato a fare in modo che la città fosse preparata ad affrontarle. Dalle prime ore della giornata la Protezione civile ha disposto l’intervento dell’esercito per ripulire le strade. «Limitate gli spostamenti» è l’appello del Campidoglio ai romani. Lezioni sospese in tutte le scuole ed università. Chiusi anche parchi, ville e cimiteri. Stop alle udienze, sia civili che penali. Scattato anche il piano neve per i trasporti. Ma tutto questo non è bastato a prevenire i disagi: tanti bus sono rimasti fermi in rimessa, la linea del tram è stata bloccata a causa di alcuni alberi caduti e lunghi tempi d’attesa anche per i taxi. Non è andata meglio a chi ha utilizzato il treno. La circolazione ferroviaria ha subito ritardi e sospensioni con tanti i convogli fermi in attesa di entrare alla stazione Termini. Operatività ridotta, con una sola pista aperta, nelle prime ore della giornata anche a Fiumicino. Solo il trasporto sotterraneo ha tenuto.

LA MAGIA DELLA CITTÀ ETERNA. Tanti disagi, certo. Ma Roma imbiancata è uno spettacolo tanto meraviglioso quanto unico. L’ultima volta in cui la neve cadde sulla Capitale risale a sei anni fa. Era il 4 febbraio 2012 quando un’ondata di gelo trasformò una normale mattinata invernale in un momento straordinariamente speciale per tutti i romani. Oggi come allora le immagini del Colosseo, di Castel Sant’Angelo, di piazza San Pietro esaltati dal candore della neve hanno invaso i social network. Non è mancata la voglia di scendere per strada e farsi contagiare dall’euforia della neve. Pupazzi e palle di neve per i più piccoli da Piazza Navona ai Fori imperiali, e foto e selfie per i più grandi davanti alla Fontana di Trevi e sugli scalini di Piazza di Spagna. Tanti anche i turisti incantati dalla magia di Roma sotto la neve.


Tags
Close