Politica

Elezioni regionali. Fontana vince in Lombardia, Zingaretti verso la riconferma nel Lazio

Ci vorrà ancora qualche ora per il risultato definitivo, ma per il momento Nicola Zingaretti è in testa di misura nella regione Lazio. Attilio Fontana ha già vinto in Lombardia: «Riprenderemo il cammino in continuità con il buon governo di questi 23 anni di centrodestra»

La riconferma del governatore uscente della regione Lazio Nicola Zingaretti sarebbe l’unico successo del Pd. Con il 35,67% il candidato del centrosinistra sembra avere i numeri per iniziare il suo secondo mandato. Ma la sfida si gioca sul filo del rasoio con il candidato presidente del centrodestra Stefano Parisi. In Lombardia, invece, il risultato appare chiaro: Attilio Fontana è avanti di circa 25 punti sul competitor del centrosinistra Giorgio Gori. È il candidato legista, criticato per l’infelice frase sulla razza, il successore di Roberto Maroni al Pirellone. E il governatore uscente non ha fatto mancare i complimenti a Fontana su Twitter: «Sono felice per la vittoria in Regione Lombardia di Attilio Fontana, mio degnissimo successore».

ZINGARETTI VERSO LA RICONFERMA. Nella corsa per la Regione Lazio, dove il dato definitivo dell’affluenza è del 66,46%, Zingaretti è ormai vicino alla vittoria e ridimensiona la sconfitta incassata a livello nazionale dal Partito Democratico. Quando sono state scrutinate 2.590 sezioni su 5.285 il candidato del centrosinistra è in testa con il 35,67% dei voti, Stefano Parisi segue a brevissima distanza con 35,10%. Roberta Lombardi del Movimento 5 Stelle si ferma 26,78% e Sergio Pirozzi non va oltre il 4,54% dei voti. Mentre nel resto d’Italia il Pd perde seggi e consensi, la vittoria di Zingaretti sarebbe l’unico successo tanto più che si tratterebbe della prima volta che un governatore uscente viene riconfermato nel Lazio. Da capire se la conquista del bis consentirà a Zingaretti di avere una maggioranza stabile in Consiglio regionale o se lo scrutinio di oggi partorirà un mandato traballante.

LA LOMBARDIA VA A FONTANA. Nella corsa per la successione a Roberto Maroni al Pirellone i numeri sono a favore del candidato di centrodestra Attilio Fontana. Quando sono state scrutinate 1028 sezioni su 9.227 Attilio Fontana ha il 52,49% delle preferenze, mentre il suo avversario di centrosinistra Giorgio Gori si ferma al 27,53%, segue Dario Violi dei 5stelle con il 16,23%. «I risultati non sono ancora definitivi, ma penso si sia trattato di una buona vittoria. Riprenderemo il cammino in continuità con il buon governo di questi 23 anni di centrodestra». Così il leghista Attilio Fontana ha anticipato la sua vittoria durante la conferenza stampa in via Bellerio. «I risultati sono abbastanza netti per ammettere la sconfitta. Ho ambizione di aver comunque lasciato un segno di politica seria – commenta Giorgio Gori – I maggiori insegnamenti nella mia vita sono arrivati dalle sconfitte. La mia carriera professionale è iniziata davvero il giorno in cui sono stato licenziato da Feltri. La mia carriera da sindaco è iniziata con la sconfitta alle primarie per le parlamentarie del 2012. Ora chissà che fa questa sconfitta non nasca altro».

Tags

Related Articles

Close