Italia

Bio quanto mi costi? I cibi biologici e light si pagano il 47% in più di quelli tradizionali

Che sia per ragioni etiche o di salute, per un’attenzione alla qualità o perché si soffre di intolleranze, una indagine di Federconsumatori rivela un boom nelle vendite di prodotti bio, light, integrali, senza lattosio, senza lievito, senza olio di palma o arricchiti con fibre e Omega 3

I carrelli degli italiani si riempiono sempre di più di cibi biologici. Ma l’alimentazione sana fa bene alla salute e un po’ meno al portafoglio. Secondo una indagine di Federconsumatori, i prodotti, bio, light, senza olio di palma, senza lattosio, senza lievito o arricchiti con fibre e Omega 3 costano in media il 47% in più rispetto agli alimenti convenzionali. Che sia per ragioni etiche o di salute, per scelte alimentari legate all’adozione di una filosofia di vita o perché si soffre di intolleranze sempre più italiani scelgono una alimentazione di qualità. «Gli acquisti sono sempre più orientati a privilegiare la salute rispetto alla gola, mirando ad una minore assunzione di cibi ritenuti eccessivamente calorici o allergizzanti», si legge nella nota che introduce lo studio dell’Osservatorio Nazionale Federconsumatori, che ha realizzato la Prima Indagine sui prezzi degli alimenti light, biologici, senza lattosio e senza lievito. Un lavoro da cui è emerso che i prodotti con determinate caratteristiche vengono venduti a prezzi decisamente più alti rispetto a quelli “ordinari”, con differenze in termini percentuali che arrivano ad un massimo del +82%.

LEGGI ANCHE: Spagheroni e Zottarella: ecco quanto ci costa il falso Made in Italy alimentare

L’INDAGINE. L’attenzione alla dieta comporta dunque un appesantimento dello scontrino non indifferente. Si può per esempio andare da un rincaro del 53% dei wurstel light, quelli che per fregiarsi dell’etichetta della leggerezza devono presentare un valore energetico ridotto di almeno 30% rispetto al normale. Negli scaffali dei “senza lattosio”, che ha a che fare anche con la problematica delle intolleranze, il latte arriva a costare il 39% in più rispetto a quello con lattosio. La forbice si allaga quando di comprano prodotti senza lievito che hanno un costo medio superiore dell’82% rispetto a quelli ordinari, con le maggiori differenze di prezzo registrate per i biscotti (un pacco da 330 grammi costa 2,70 euro contro 1,15 euro: più 135%) e per le brioches confezionate, che costano il 141% in più (4,45 euro contro 1,85 euro). Fra i prodotti biologici, la differenza di prezzo in media è del 60%. Il latte bio costa il 47% in più, la marmellata il 33% in più, un kg di farina arriva a costare il 96% in più (1,49 euro contro 0,76 centesimi), la polpa di pomodoro bio il 116% in più (si va da 0,95 euro del prodotto ordinario a 2,05 euro del pomodoro bio).

Tags

Related Articles

Close