Salute

Allergia al lattice, attenti all’alimentazione. I consigli della nutrizionista

Quando si parla di allergia al lattice si pensa solo agli oggetti di gomma, ma il rischio si nasconde anche nel cibo che portiamo in tavola. Tra gli alimenti indiziati soprattutto frutta, verdura e carboidrati

Guanti, elastici, palloncini. Non basta depennare questi oggetti dall’uso quotidiano per sfuggire all’allergia al lattice. Il rischio viene anche dal cibo che portiamo in tavola. Il motivo è la cross-reattività legata alla presenza di chitinasi di classe I. In buona sostanza nel lattice e in alcuni alimenti c’è un minimo comune denominatore capace di scatenare la stessa reazione. Sono state identificate come allergeni 13 proteine del lattice che hanno ricevuto una nomenclatura internazionale (Hevein o Hev b da 1 a 13).Tabella Allergia al lattice Hevein

SINDROME LATEX FRUIT. Per quanto concerne la sindrome “Latex fruit” si ritiene che la cross-reattività sia legata alla capacità delle Ige di riconoscere epitopi strutturalmente simili presenti in diverse proteine filogeneticamente correlate o che rappresentino strutture conservate nel corso della evoluzione. La più importante base molecolare della sindrome lattice-frutta è l’omologia tra le eveine del lattice, in particolare la Hev b 6.02, con le chitinasi di classe I, proprio perché presentano il 70% di identità. Pertanto è possibile che soggetti sensibilizzati al lattice presentino contemporaneamente delle sensibilizzazioni a chitinasi alimentari. L’elevata omologia di queste proteine con vegetali è causa di un’elevata cross-reattività. Le chitinasi sono labili al calore e rapidamente degradate in sede gastrica, per questo le reazioni cliniche sono spesso localizzate alla sfera orale e ristretta ad alimenti consumati crudi come frutta e vegetali.

LEGGI ANCHE: Chirurgia bariatrica e alimentazione: la dieta da seguire dopo l’intervento

ALLERGIA E ALIMENTAZIONE. Questa forma di allergia negli ultimi anni si è posizionata al primo posto per l’incidenza nella popolazione adulta, rappresentando il 14% di tutte le allergie alimentari. Se si considera che la frequenza complessiva di allergia alimentare negli adulti è del 2%, il numero di persone che soffrono attualmente di allergia crociata lattice-frutta è di circa 3 su 1000. Al momento che si sospetta di essere allergici al lattice è fondamentale rivolgersi ad un allergologo che dopo un’accurata anamnesi e valutazione allergologica tramite vari test definirà il protocollo terapeutico da seguire. Successivamente in alcuni casi può risultare opportuno consultare un nutrizionista che stabilirà se è necessario o meno, in base al referto dell’allergologo, elaborare un piano alimentare adeguato. Le restrizioni dietetiche sono necessarie solo ed esclusivamente nei casi in cui l’ingestione di tali alimenti comporta sintomi allergici conclamati come ad esempio prurito ed edema. L’obiettivo del piano alimentare è quello di recuperare la tolleranza nei confronti del lattice, rieducando il sistema immunitario.

LEGGI ANCHE: Fame nervosa: come riconoscerla e combatterla. I consigli del nutrizionista

GLI ALIMENTI DA EVITARE. Per fare questo è utile seguire inizialmente un’alimentazione che escluda il più possibile i cibi che contengono lattice, facendo attenzione di non cadere in condizioni carenziali. La durata di questa alimentazione varia in relazione al singolo paziente. Successivamente e in maniera graduale verranno reinseriti tutti gli alimenti che con contengono il lattice. In letteratura gli elenchi di questi alimenti si diversificano leggermente l’un l’altro con integrazioni ed omissioni. Tra gli alimenti da evitare troviamo la frutta come ananas, avocado, banana, castagna, ciliegia, fico, frutto della passione, kiwi, mango, mele, melone, noccioline, papaia, pera pesca; la verdura e gli ortaggi come aneto, sedano, peperone dolce, pomodoro, rape, spinaci; le erbe aromatiche (origano, salvia) e i carboidrati come frumento, grano saraceno, patata.

Tags

Maria Teresa D'Agostino

Laureata presso l’Università degli Studi di Catania con il massimo dei voti e la lode è esperta in nutrizione clinica. Abilitata all’Esercizio della Professione dal 2012. Si è perfezionata presso L’Accademia Internazionale di Nutrizione clinica di Roma con il massimo dei voti. Socia SINU (Società di Nutrizione Umana) dal 2017. Tutor aziendale presso l'Università di Catania, Facoltà di Scienze e Tecnologie Alimentari.

Related Articles

Close