Politica

Di Maio lancia la Netflix italiana: «È arrivata l’ora di rinnovare la televisione»

«Le tv tradizionali hanno i giorni contati». Sa di profezia il messaggio lanciato dal ministro dello Sviluppo Economico che torna a parlare del futuro delle telecomunicazioni. Il sostegno di Casaleggio: «Dobbiamo iniziare a costruirlo noi»

Dopo l’editto di Grillo sulla Rai, e il mantra ripetuto più volte nelle ultime settimane che «in Rai deve trionfare il merito», il M5s torna a parlare del futuro della televisione. L’ultima trovata di Di Maio sarebbe quella di realizzare una specie di “Netflix italiana”. Una nuova piattaforma con cui dovrebbero fare i conti anche Rai e Mediaset costrette a rinnovarsi per sopravvivere in un mercato che sta cambiando radicalmente. «Le tv tradizionali hanno i giorni contati. Su questo devono interrogarsi – scrive in un lungo post pubblicato sul Blog delle Stelle – le grandi aziende culturali del Paese, in primis Rai e Mediaset. Per loro sarà fondamentale riuscire a rinnovarsi con nuove persone e nuove idee, pensando a nuovi prodotti e inserendosi in una logica completamente diversa da quella seguita fino ad oggi». E subito arriva il plauso di Davide Casaleggio: «Se aspettiamo di vedere il futuro arrivare, arriverà dall’estero. Dobbiamo iniziare a costruirlo noi. Il caso dell’industria dei media italiana è emblematico. Ha aspettato arrivasse Netflix per preoccuparsi di innovare il proprio modello di business. Dobbiamo pensare all’innovazione non quando è ormai inevitabile, ma quando è possibile. Ora lo è».

LA REPLICA DI FI. Su una linea diametralmente opposta, non solo politicamente, si pone Giorgio Mulè, deputato di Forza Italia e portavoce unico dei gruppi azzurri di Camera e Senato. «Il finanziatore Luigi Di Maio della Casaleggio associati colpisce ancora – scrive in una nota pubblicata anche su Facebook- Sul futuro delle televisioni il vicepremier eccetera eccetera gioca a fare il dirigista con il portafogli degli altri, dimentica e mortifica le eccellenti produzioni televisive italiane che alimentano l’industria culturale del nostro Paese, prefigura scenari tetri in favore ovviamente di internet. A correre a supporto svelandosi come mandante giunge lesto Davide Casaleggio, al quale Di Maio versa ogni mese denaro come tutti i parlamentari dei 5 Stelle. È tutto molto, molto penoso. Ed è tutto molto, molto pericoloso per il futuro dell’Italia».

Il finanziatore Luigi #DiMaio della Casaleggio associati colpisce ancora. Sul futuro delle televisioni il vicepremier…

Pubblicato da Giorgio Mulè su Domenica 1 luglio 2018

LA CRISI DELLE TV. A sostegno della sua idea, Di Maio snocciola i dati del report di Morgan Stanley sul futuro della televisione: in Italia al momento Netflix ha una penetrazione stimata attorno al 6%, ma cresce a un ritmo del 3% l’anno e quindi raggiungerà il 20% in 5 anni. «Quello sarà il punto di non ritorno che in America ha coinciso con il declino del consumo della tv tradizionale –sottolinea il vicepremier – Prevedono quindi che nei prossimi 5 anni gli operatori tradizionali italiani ed europei avranno un calo degli utili del 40%». Come conseguenza di questa analisi Morgan Stanley ha declassato il suo giudizio su alcune aziende, come Mediaset che è passata da 3,8 a 2 con un tonfo in borsa di quasi il 5% con un’azione che ora vale 2,7 euro. È andata ancora peggio ai tedeschi: ProsiebenSat perde il 7,53% e Rtl il 7,26%. «Pensate che una volta che Netflix entra in una casa, il consumo di tv tradizionale cade del 16-30%. Per di più è finita la crescita della pubblicità, che rappresenta tra il 50 e il 90% dei ricavi delle tv tradizionali. Se proiettate questi dati nel tempo è chiaro cosa succederà» scrive Di Maio che, in quanto ministro dello Sviluppo Economico con delega alle telecomunicazioni, si sente in dovere di «anticipare il futuro e fare investimenti che vanno nell’ottica delle nuove tecnologie». Perché, «se la prossima Netflix sarà italiana dipende dagli investimenti che facciamo oggi».

LEGGI ANCHE: Lo streaming video cambia il modo di guardare la tv

NETFLIX ITALIANA. L’idea generale è, dunque, quella di una Netflix italiana, o meglio “all’italiana”. Il ministro dello Sviluppo Economico con delega alle telecomunicazioni vuole puntare sulle nuove tecnologie, incentivando la fornitura dei servizi «che possono essere di supporto alle piattaforme di oggi e nel medio e lungo periodo investire in nuovi modelli di business e nuove tecnologie per sviluppare a casa nostra le piattaforme del futuro». Il vicepresidente del Consiglio ipotizza che un «prodotto italiano di successo diffuso su Netflix o piattaforme simili sarebbe un volano importante per far conoscere il nostro stile di vita e per far ripartire la nostra industria culturale» ma dimentica che di prodotti italiani di successo su Netflix ce ne sono a decine, da Suburra alle tante produzioni della Rai. Di Maio parla anche di realizzare delle «piattaforme italiane che potrebbero avere un successo mondiale». Ci stanno provando in tanti, da Amazon a Hulu, a scalfire il successo di Netflix ma i numeri del colosso statunitense dello streaming non sembrano neanche lontanamente raggiungibili.

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi