Italia

Facebook Watch, la tv di Zuckerberg arriva in Italia

La nuova piattaforma video varca i confini degli Stati Uniti ed è pronta a sfidare i big dell'entertainment come YouTube e Netflix. Punti di forza sono i contenuti interattivi e il coinvolgimento degli utenti

Ad un anno di distanza dal debutto in America, Facebook ha annunciato che la funzionalità Watch sarà disponibile in tutto il mondo e quindi anche in Italia. Si tratta di una nuova sezione all’interno del popolare social network, che ha toccato la cifra record di due miliardi di account attivi, in cui saranno proposti i contenuti video. Una sfida non solo alla tv tradizionale, ma anche a YouTube, Amazon e Netflix. «Da oggi Facebook Watch è disponibile ovunque, per dare agli utenti di tutto il mondo un nuovo modo di scoprire video e interagire con amici, creatori e altri fan», spiega in un post ufficiale Fidji Simo, capo della sezione Video della piattaforma.

LEGGI ANCHE: Lo streaming video cambia il modo di guardare la tv

COME FUNZIONA? Per rendersene conto è sufficiente prendere in mano lo smartphone, aggiornare l’app di Facebook e selezionare l’icona del video (in basso o in alto, in base al sistema operativo. Se ancora non c’è probabilmente spunterà nelle prossime ore). Ed ecco Watch, che per ora appare sostanzialmente come una carrellata di video proposti principalmente in base alle preferenze dell’utente, espresse attraverso i “Mi piace” su pagine ufficiali e post degli amici. Per scoprire qualcosa in più della piattaforma bisogna interrogare la barra di ricerca: si possono cercare programmi, episodi, dirette, video visti dagli amici o pubblicati nei gruppi. Una volta scelto il filmato, ci si rende conto come Watch punti sulla visione collettiva, dando spazio a emoticon e commenti. Nel menù si possono trovare, si legge nel post del capo della divisione video di Facebook, i contenuti fruiti negli Usa come «Red Table Talk con Jada Pinkett Smith» insieme «al programma dietro le quinte del magnate del settore della cosmesi Huda Kattan, Huda Boss». Gli utenti di Facebook, mentre bisticciano con Dazn, potranno testare le dirette streaming della Major League di Baseball (per il momento in Italia non è possibile seguire il calcio perché non sono stati acquistati i diritti). C’è anche “Full Circle”, il Tg realizzato da Menlo Park con Anderson Cooper, a cui si aggiungono contenuti originali come le serie tv “Skam” e “Sorry For Your Loss”. Watch proporrà intrattenimento, sport, news e molto altro grazie ad un feed che può essere personalizzato e adattato ai propri gusti in ogni istante con un clic. È possibile trovare Watch anche su smart TV e set top box tra cui Apple TV, Samsung Smart TV, Amazon Fire TV, Android TV, Xbox One e Oculus TV.

INTERAZIONE E VISIONI COLLETTIVE. Particolare attenzione è stata rivolta all’interazione: gli utenti potranno commentare i contenuti durante la visione, in modo del tutto simile a quanto accade con le dirette Facebook, e interagire con i contatti online in quel momento, editori inclusi. Facebook ha pensato di ricreare una vera e propria visione collettiva chiamata “video party” che verrà sfruttata durante le prime visioni e gli eventi live, oppure con show incentrati sulla partecipazione del pubblico. Una sorta di social room virtuale della quale potenzialmente tutti possono entrare a far parte. Qui però il pubblico da spettatore passivo e semplice commentatore può ritrovarsi anche protagonista dello show stesso. Il potenziale è alto, ma ci vorrà un po’ di tempo per capire come, se e quanto si realizzerà. Intanto, ogni mese «più di 50 milioni di persone negli Usa – spiega il manager del social network – hanno visto un video per almeno un minuto su Watch e il tempo totale trascorso a guardare video si è più che decuplicato sin dall’inizio del 2018». Facebook Watch aprirà chiaramente le porte a creator ed editori in tutto il mondo, fornendo un canale di intrattenimento diverso e ancora da esplorare, che potrebbe generare nuove forme di comunicazione. I video avranno delle pause pubblicitarie che consentiranno ai proprietari dei contenuti di monetizzare (55 per cento delle entrate ai creatori e 45 per cento a Facebook). Il programma Ad Breaks è disponibile in Stati Uniti, Regno Unito, Irlanda, Nuova Zelanda e Australia. In settembre arriverà in altre zone del mondo, tra le quali Francia, Germania e Spagna. L’Italia sarà coinvolta entro fine anno.

Tags

Related Articles

Close