Italia

Da fondatore a garante: Grillo conta ancora qualcosa nel M5s?

Dopo l’attacco del “comico” ai poteri del presidente della Repubblica durante la kermesse grillina, il Movimento prende le distanze: «Grillo non riveste ruoli istituzionali»

Pare quasi che Beppe Grillo sia capitato per caso sul palco della kermesse “Italia a 5 stelle” a sventolare manine di plastica, a far infuriare tutti con le battute sull’autismo e a sparare a zero sul Quirinale. «È solo un comico» minimizza il M5s. Ma è davvero così? L’uomo che dal nulla ha fondato un movimento rivoluzionario, il leader che attraverso un blog ha conquistato il potere, il garante del M5s è possibile che davanti alla platea del Circo Massimo stava solo scherzando? Non è un caso che sulla sua performance si sia aperto un serrato dibattito. Tra chi sostiene che Grillo ormai parli a ruota libera, svincolato dalle logiche del Movimento. E chi sospetta un’astuta messinscena orchestrata d’intesa con Di Maio.

ATTACCO AL QUIRINALE. «Dovremmo togliergli i poteri, dovremmo riformarlo»: l’intervento di Beppe Grillo alla kermesse cinquestelle, diventa un attacco del fondatore del partito di maggioranza ai poteri e alle prerogative del Capo dello Stato. Parole velate di ilarità che, però, fanno scattare subito le reazioni delle opposizioni. E dello stesso Movimento Cinque Stelle che è costretto a prendere le distanze da Grillo. Il premier Giuseppe Conte, che era sullo stesso palco, è stato costretto a telefonare al capo dello Stato per scusarsi e rassicurarlo. E Di Maio ha spiegato che si tratta di «un’opinione personale». Poco dopo è arrivata una nota ufficiale del M5s: «La riforma dei poteri del Capo dello Stato non è nel contratto di governo – si legge – Piena fiducia nel ruolo di Garante della Costituzione del Presidente Mattarella. Grillo non riveste ruoli istituzionali».

BATTUTE E PROVOCAZIONI. Il comizio show è poi un’altalena tra battute comiche e posizioni politiche. Agita la «manina» e la stringe al suo inventore Di Maio. Salvini? «È uno che mantiene la parola, ma ha Dna diverso dal M5s. A sua mamma – racconta Grillo – chiesi perché non aveva preso la pillola». E poi le frasi sull’autismo: «Chi siamo? Siamo pieni di malattie nevrotiche, siamo pieni di autistici, l’autismo è la malattia del secolo». E poi parla del M5s, dei suoi cambiamenti, del suo futuro. «Io non ho più paura di nessuno» e il riferimento è all’Unione europea e alle agenzie di rating. Tutti i più grandi rivoluzionari vanno in galera. E allora: «Bonafedeee, mettimi in galera». È una escalation di battute e provocazioni. Riesce a rendere indistinguibili comicità e politica. Ma non per le opposizioni, che non perdono occasione per lanciare accuse al M5s. Movimento di cui Grillo è stato fondatore, capo politico, megafono e ora garante. Ma lui dal suo blog t ranquillizza: «Mai prendersi troppo sul serio, perché senza ironia non c’è umanità!».

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi