PickNewsPolitica

Continua l’ascesa della Lega, in calo il M5s

Ultimo sondaggio Ipsos: il Carroccio al 36,2% di consensi, l’alleato non va oltre il 27,7%. E mentre diminuisce l’indice di gradimento del governo, cresce quello di Salvini

La Lega in poco più di otto mesi di governo avrebbe più che raddoppiato i consensi elettorali. È passata dal 17,4% raccolto alle politiche del 4 marzo al 36,2% che gli attribuisce il sondaggio di Ipsos per il Corriere della Sera. L’alleato di governo, il Movimento Cinque Stelle, resta indietro al 27,7% (in calo rispetto al 28,7% di ottobre e rispetto al 32,7% delle elezioni politiche). Forza Italia si assesta attorno al 7,9%, Fratelli d’Italia al 2,6% e +Europa al 2,1%. Il Pd, in fase di scelta del leader di partito, viene dato dai sondaggi al 16,7% (0,3 punti in più rispetto a un mese fa e due punti percentuali in meno rispetto alle elezioni politiche).

CS-POL03-Sondaggio Pagnoncelli

Ma in generale l’esecutivo fa segnare un arretramento: i giudizi positivi (53%) continuano a prevalere nettamente su quelli negativi (36%), ma l’indice di gradimento diminuisce di tre punti attestandosi a 60. La stessa tendenza si registra per il presidente Conte, in flessione di due punti (passa da 64 a 62) e per il vicepremier Di Maio (da 51 a 47), per il quale per la prima volta le valutazioni negative (46%) prevalgono su quelle positive (41%). Al contrario l’indice di gradimento di Salvini aumenta di due punti (da 58 a 60) e si avvicina a quello del premier. La Lega, quindi, appare in salute, mentre il M5S arranca. «Senza voler sminuire la portata del suo consenso — spiega Pagnoncelli — l’analisi dei dati sul totale degli elettori (quindi non sui voti validi), ridimensiona in parte il risultato. Infatti occorre fare i conti con un elemento di cui si parla poco: l’aumento dell’area grigia rappresentata da indecisi e astensionisti che oggi rappresentano il 36,2%, vale a dire quasi 3,2 milioni di elettori in più rispetto alle politiche. Al crescere dell’astensione la Lega aumenta il risultato grazie alla forte tenuta del proprio elettorato, a differenza delle altre forze politiche che fanno segnare un’uscita di elettori che in larga misura manifestano la loro delusione scegliendo di non scegliere, astenendosi dal voto».

Tags

Related Articles

Back to top button
Close