Mondo

Venezuela, Trump riconosce Guaidó presidente ad interim

Il leader dell’opposizione si è autoproclamato presidente in attesa di nuove elezioni. E il presidente degli Usa invita i Paesi occidentali a rinnegare il governo Maduro

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha ufficialmente riconosciuto Juan Guaidó presidente del Venezuela dopo che il leader dell’opposizione di Caracas ha giurato, autoproclamandosi presidente ad interim in attesa di nuove elezioni. «I cittadini del Venezuela hanno sofferto per troppo tempo sotto la guida di un regime illegittimo. Ho ufficialmente riconosciuto il capo dell’Assemblea Nazionale venezuelana, Juan Guaidó, come presidente ad interim dello Stato», ha scritto su Twitter il presidente Usa.

Trump ha lanciato un appello a tutte le capitali occidentali, invitandole a seguire il suo esempio e a rinnegare il governo di Nicolas Maduro: «Incoraggiamo altri governi dell’emisfero occidentale a riconoscere il presidente dell’Assemblea nazionale Guaidó come presidente ad interim del Venezuela. Lavoreremo con loro a sostegno degli sforzi per ripristinare la legittimità costituzionale». Alle richieste del presidente Usa arrivano già le prime risposte. Il primo Paese a seguire il presidente Usa è stato il Canada: il governo di Justin Trudeau si è dichiarato pronto a riconoscere subito Guaidó presidente del Venezuela. Anche la Colombia e il Paraguay hanno riconosciuto il presidente autoproclamato.

Nominato capo dell’Assemblea Nazionale, Juan Guaidó fa parte di Voluntad Popular, partito centrista e progressista che dalla rielezione di Maduro appoggia le manifestazioni di piazza. Durante la sua autoproclamazione ha affermato di aver preso questa decisione «per ottenere la fine dell’usurpazione, un governo di transizione e libere elezioni». Dopo il giuramento ha chiesto anche ai presenti nella piazza di promettere di impegnarsi «a ristabilire la Costituzione in Venezuela». Intanto, sui social si moltiplicano immagini e video delle manifestazioni che, non solo a Caracas, stanno animando le piazze di altre città venezuelane come Barquisimeto, Maracaibo, Barinas e San Cristóbal. In altri punti della capitale, invece, si sta svolgendo la contro-manifestazione dei simpatizzanti di Maduro. Ci sono state anche molte situazioni di tensione: sono almeno cinque le persone rimaste uccise durante le manifestazioni.

LEGGI ANCHE:Il Venezuela di Maduro, elezioni-farsa e leadership indebolita

Tags

Related Articles

Back to top button
Close