Greta Thunberg a Roma contro i cambiamenti climatici

L’attivista svedese il 19 aprile incontrerà i ragazzi italiani del Fridays For Future. Il giorno prima sarà ricevuta dalla presidente del Senato

Greta Thunberg arriva in Italia per portare avanti la sua battaglia ambientalista. L’attivista svedese che ha dato il via ai Fridays For Future di tutto il mondo sarà a Roma per partecipare a quello programmato per il 19 aprile a Piazza del Popolo. Il giorno precedente sarà ricevuta dalla presidente del Senato, Elisabetta Alberti Casellati, per un approfondimento sul tema clima e ambiente.

LEGGI ANCHE: L’esempio di Greta: studenti in piazza per il pianeta in 123 Paesi

Ad annunciare la presenza di Greta Thunberg a Piazza del Popolo sono i ragazzi e le ragazze del Fridays For Future di Roma. «Siamo felici di annunciare che il 19 aprile, Greta Thunberg, che ha promosso e diffuso i Fridays For Future dalla sua Svezia, sarà presente a Roma per partecipare al consueto appuntamento settimanale in Piazza del Popolo. Faremo di tutto – spiegano – perché questa giornata si trasformi in un grande momento di sensibilizzazione sul tema dei cambiamenti climatici e speriamo che la politica capisca che è giunta l’ora di ascoltare gli scienziati che all’estero ed in Italia ci ricordano che non c’è tempo da perdere».

L’idea del “Venerdì per il futuro” è nata in seguito alla protesta iniziata da Greta Thunberg diventata il simbolo del nuovo movimento ambientalista studentesco e adesso proposta per il Nobel per la Pace. Greta il 20 agosto del 2018 decise di non presentarsi più a scuola fino al 9 settembre seguente, giorno delle elezioni politiche, chiedendo al governo di occuparsi più seriamente del cambiamento climatico, adottando politiche più incisive per ridurre le emissioni di anidride carbonica, tra i principali gas serra. Invece di andare a scuola, ogni giorno la studentessa si presentava davanti alla sede del Parlamento svedese a Stoccolma portando con sé il cartello “Skolstrejk för klimatet” (“Sciopero scolastico per il clima”). Dopo le elezioni politiche, Greta tornò a scuola, assentandosi comunque di venerdì per proseguire la sua protesta davanti alla sede del Parlamento. La storia della giovane attivista svedese è stata ripresa da alcuni media locali e gradualmente ha superato i confini della Svezia, finendo su giornali e televisioni di mezzo mondo. Mese dopo mese, la sua protesta è diventata la fonte d’ispirazione per altri studenti, che in diversi paesi hanno iniziato a organizzare marce e manifestazioni sul clima, sempre di venerdì.

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi