Economia

Aumento Iva, sulle famiglie italiane incombe una tassa da 538 euro

Durante l'audizione davanti alle commissioni bilancio di Camera e Senato, il ministro dell'Economia Tria ha spiegato che per adesso le clausole di salvaguardia sono confermate. Per il 2020 l'aumento dell'Iva è fissato ancora a 23 miliardi di euro

«L’Iva aumenterà, in attesa di stabilire interventi alternativi». Lo ha detto il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, in audizione davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Senato sul Documento di economia e finanza. Questo vuol dire che per il momento rimane l’aumento dell’Iva, che potrebbe portare nelle casse dello Stato 23 miliardi di euro. E la tassa che attende ogni famiglia italiana vale in media 538 euro. Ma ci sono categorie che saranno maggiormente tartassate: per liberi professionisti e imprenditori si sale a 857 euro. Non va bene nemmeno ai nuclei famigliari residenti in Lombardia e Trentino Alto Adige (per loro l’aumento si attesterà rispettivamente su 658 e 654 euro). Mentre la tassa graverebbe meno sulle regioni del Sud (Calabria, Campania e Basilicata).

L’aumento dell’Iva è legato alle clausole di salvaguardia fissate per il 2020: si tratta di tesoretti che vengono impegnati per permettere di rientrare nei margini di bilancio previsti dall’Unione Europea. Discutibile, ma ormai collaudata dal 2011: prima si prevede un rincaro automatico, a copertura di spese pubbliche già decise; poi si tenta di disinnescarlo. Nella versione della legge di Bilancio, l’Iva ordinaria è destinata a salire dal 22 al 25,2% dal 2020 (e poi al 26,5% dal 2021), mentre per quella al 10% si prevede un rialzo al 13%, sempre dal 2020.

LEGGI ANCHE: Manovra, clausole di salvaguardia sull’Iva per rassicurare l’Ue

Dopo le dichiarazioni, più o meno dirette di Tria, le reazioni politiche non si sono fatte attendere. Il primo è Luigi Di Maio: «Con questo Governo non ci sarà nessun aumento dell’Iva, deve essere chiaro. Finché il M5s sarà al governo non ci sarà. Al contrario l’obiettivo è ridurre il carico fiscale su famiglie e imprese». Da un vicepremier all’altro, anche Matteo Salvini interviene con una nota: «L’Iva non aumenterà. Punto. Questo è l’impegno della Lega. Siamo al governo per abbassare le tasse, non per aumentarle come hanno fatto gli altri governi».

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi