Macron non ferma i gilet gialli, nuova protesta a Strasburgo

Non sono bastati gli annunci di riforma fatti dal presidente francese appena due giorni fa: disordini e feriti nella città sede del parlamento europeo

Ventiquattresimo sabato di protesta in Francia dove i gilet gialli hanno provocato disordini e feriti a Strasburgo. Non sono bastati gli annunci di riforma fatti da Emmanuel Macron: il movimento è tornato in piazza, scegliendo appunto la città sede dell’Europarlamento come teatro della protesta «nazionale e internazionale». Una scelta non casuale, a un mese dalle elezioni europee.

Appena due giorni fa il presidente francese, per rispondere alle proteste che da novembre infiammano il Paese, aveva promesso tagli alle imposte sul reddito e aumenti delle pensioni minime. Macron aveva anche detto di riconoscere le «richieste giuste» dei manifestanti e la «rabbia e impazienza per il cambiamento». Così a partire dal primo gennaio le numerose misure già varate a difesa del potere d’acquisto dei francesi saranno arricchite con la piena indicizzazione delle pensioni inferiori ai 2mila euro. Analogamente verranno tagliate per 5 miliardi le imposte sul reddito da finanziare attraverso l’abolizione di alcune detrazioni a favore delle imprese e una lotta più dura all’evasione.

LEGGI ANCHE: La Francia tra le proteste dei gilet gialli e le promesse di Macron

Ma evidentemente le promesse di Macron non sono bastate. I gilet gialli sono di nuovo scesi in piazza, ma erano solo 23.600 persone, contro le 27.900 della scorsa settimana: numeri tra i più bassi di sempre secondo il ministero dell’Interno. Nella capitale la protesta è stata pacifica. Gli scontri si sono invece verificati a Strasburgo. Durante la protesta un uomo è stato ferito alla fronte, proprio mentre al corteo dei gilet gialli veniva impedito di entrare in alcune zone del centro storico e nei dintorni delle istituzioni europee. Ma France 3 parla di «diversi feriti». La polizia ha sparato gas lacrimogeni per disperdere la folla, cinque persone sono state arrestate.

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi