EconomiaPickNews

Istat, gli occupati aumentano anche tra i giovani

Il tasso di disoccupazione tra i 15 e i 24 anni è sceso al 30,2%, il minimo da ottobre 2011

Dal mercato del lavoro arrivano segnali positivi. L’ultima rilevazione Istat su occupati e disoccupati segnala che a marzo 2019 il tasso di disoccupazione è diminuito di 0,4 punti rispetto al mese precedente e di 0,8 punti rispetto allo stesso mese dello scorso anno, arrivando al 10,2%, il dato più basso da agosto 2018.

E si riduce anche il tasso di disoccupazione giovanile (tra le persone tra i 15 e i 24 anni): a marzo 2019 è sceso al 30,2%, il dato minimo da ottobre 2011. Nel mese, spiega l’Istat, si è registrata una riduzione di 1,6 punti rispetto a febbraio e di 2,5 punti su marzo 2018. Il tasso di occupazione in questa fascia di età è del 18,6% con una crescita di 0,9 punti su febbraio e di 1,1 punti su marzo 2018.

LEGGI ANCHE: Lavoro, i Paesi più “stakanovisti” sono Italia e Grecia

Le persone in cerca di occupazione sono 2.641.000 con un calo di 96.000 unità su febbraio e di 208.000 unità su marzo 2018. Gli occupati a marzo sono aumentati di 60.000 unità rispetto a febbraio (+0,3%) mentre sono cresciuti di 114.000 unità su marzo 2018 (+0,5%). Nel complesso risultano occupate 23.291.000 persone. L’aumento dell’occupazione si concentra tra i minori di 34 anni (+69.000 unità) mentre sono stabili i 35-49enni e calano gli over 50. Crescono su febbraio soprattutto gli occupati dipendenti “permanenti” ovvero con un lavoro stabile (+44.000).

Su base annua l’occupazione cresce dello 0,5%, pari a +114 mila unità. Secondo l’Istat il trend positivo riguarda si a uomini sia donne, i 15-24enni (+63 mila) e gli ultracinquantenni (+210 mila). In un anno crescono soprattutto i dipendenti a termine (+65 mila) e si registrano segnali positivi anche per gli indipendenti (+51 mila), mentre risultano sostanzialmente stabili i dipendenti permanenti. Il tasso di disoccupazione è calato anche nella zona euro: 7,7% rispetto al 7,8% a febbraio e all’8,5% dell’anno precedente. Si tratta del livello più baso mai raggiunto da settembre 2008. Nella Ue il tasso di disoccupazione era al 6,4% dopo 6,5% a febbraio. Un anno prima era al 7%. Si tratta del livello più basso da gennaio 2000.

Tags

Related Articles

Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi