Sport

Europa League, Mkhitaryan salta la finale di Baku per ragioni di sicurezza

Il calciatore dell'Arsenal ha dovuto rinunciare alla gara con il Chelsea a causa delle tensioni politiche tra Armenia e Azerbaigian

Una scelta personale, che nasconde motivazioni politiche: Henrikh Mkhitaryan, calciatore dell’Arsenal, non parteciperà alla finale di Europa League contro il Chelsea, che si terrà mercoledì 29 maggio allo stadio Olimpico di Baku, in Azerbaigian. La sua sicurezza non sarebbe stata garantita per colpa di una guerra tra armeni e azeri vecchia quasi trent’anni, nel Nagorno-Karabakh, e mai davvero risolta. Il club di Londra ha fatto sapere, in una nota pubblicata sul loro sito, di aver esplorato a fondo tutte le opzioni per permettere a centrocampista di far parte della squadra, ma dopo aver discusso di questo con lui e la sua famiglia abbiamo concordato che non farà parte della trasferta».

Le rassicurazioni per Mkhitaryan non sono servite: la Uefa «insieme alle più alte autorità dell’Azerbaigian» aveva studiato e trasmesso all’Arsenal «un piano di sicurezza» per il giocatore, forse non abbastanza convincente. «Nonostante i difficili rapporti tra l’Azerbaigian e l’Armenia, Mkhitaryan può giocare la finale di Europa League a Baku – ha detto il portavoce del ministero degli esteri azero, Leyla Abdullayeva – Non bisogna confondere sport e politica, che devono restare separati. Molti importanti eventi sportivi sono stati ospitati dal nostro Paese e gli atleti armeni vi hanno preso parte». Non Mkhitaryan che già in passato aveva già disertato due trasferte in Azerbaigian, sia con l’Arsenal che con la maglia del Borussia Dortmund.

Per il numero sette dell’Arsenal il sogno di conquistare l’Europa League si è fermato alle semifinali. «Micki è stato in giocatore chiave nella nostra corsa verso la finale, quindi questa è una grande perdita per noi dal punto di vista tecnico. Siamo rammaricati anche del fatto che il giocatore perderà una grande finale europea per questi motivi, dato che è qualcosa che accade molto raramente nella carriera di un calciatore», spiega il club londinese. Su Twitter il giocatore ha espresso il suo rammarico: «Non è un’occasione che capita spesso per i giocatori e devo ammettere, mi fa molto male dover rinunciare. Supporterò i miei compagni di squadra. Portiamo a casa il trofeo!».

LEGGI ANCHE: Il calcio ostaggio della pirateria: 4,6 milioni di italiani guardano sport illegalmente

Tags

Related Articles

Back to top button
Close