Italia

Tim, Vodafone, Wind Tre: al via i rincari estivi delle offerte telefoniche

Nelle prossime settimane quasi tutti i principali operatori di telefonia mobile aumenteranno le tariffe di alcune loro offerte. Ecco cosa cambia e come difendersi

Estate, tempo di rimodulazioni telefoniche: Vodafone, Tim e Wind Tre già a partire dalle prossime settimane aumenteranno le tariffe di alcune loro offerte. Una pratica legittima da parte degli operatori telefonici, che hanno in alcuni casi già informato gli utenti coinvolti, che comunque avranno la possibilità di scegliere se aderire o meno.

La prima compagnia a introdurre alcune rimodulazioni delle tariffe sarà Tim: a partire dal 13 giugno i clienti che hanno sottoscritto un’offerta Tim Ten Go, Tim Planet Go o Tim Special Old subiranno un aumento della propria tariffa di 1,99 euro al mese. Per compensare questo intervento, l’operatore permetterà di attivare una opzione gratuita per un anno: minuti illimitati oppure 20 Gb di dati extra gratis. Anche la linea fissa subirà un incremento di 1,90 euro dal primo luglio con le offerte Tutto Voce e Voce Senza Limiti.

Vodafone dal 15 luglio applicherà una rimodulazione di 1,98 euro al mese su alcuni piani tariffari ricaricabili. A compensazione, chi riceverà gli sms potrà avere gratis per un anno un traffico dati mensile aggiuntivo di 20 GB. Il piano Internet Abbonamento aumenterà di 5 euro da metà luglio ma permetterà di navigare con 5 GB in più al mese. Oltre a questo aumento, a partire dal 15 luglio ce ne sarà un altro che riguarderà i clienti che termineranno il proprio credito: in questi casi si continuerà a chiamare e a navigare senza limiti al costo di 99 centesimi di euro per 24 ore, fino ad un massimo di 48 ore, che verranno addebitati alla prima ricarica utile. Entro la prima settimana di luglio anche le tariffe per la linea fissa saranno investite dalla rimodulazione: 2,99 euro al mese per Internet Unlimited e Unlimited+, Internet e Tv Sport, Vodafone One e One Pro Tv.

Anche Wind rimodulerà alcune sue tariffe nelle prossime settimane: «Il servizio internet illimitato a 128k al termine dei GB inclusi costerà 1,49 euro/mese o puoi tenere offerta e prezzo attuali inviando G2 al 40400 ma se finisci i GB per ogni giorno di utilizzo avrai 1GB extra al costo di 0,99 euro». Nello stesso periodo per alcune delle tariffe di 3 Italia il canone mensile aumenterà di circa 3 euro. Dal primo giugno i piani dati Super Internet 5GB, Super Internet Summer, Super Internet 10GB e Super Internet 20GB saranno rimodulati con un incremento di 2 euro su base mensile ma otterranno un traffico aggiuntivo di 30 GB al mese.

Il cambio della tariffa dà diritto alla prima linea di difesa: il diritto di recesso, ossia chiudere il contratto in essere. Solitamente, in aggiunta al messaggio che preannuncia l’imminente rimodulazione, si ricevono anche le indicazioni per bloccare il contratto. Il diritto di recesso può essere “esercitato gratuitamente” ma non se l’offerta include il telefono, perché in questo caso sarà necessario onorare una parte o in toto il piano per completare il pagamento del dispositivo. Il diritto di recesso si esercita seguendo le indicazioni specifiche di ciascun operatore e può prevedere l’invio di una raccomandata con ricevuta di ritorno agli indirizzi delle sedi legale del gestore telefonico oppure attraverso la Pec. Allo stesso tempo però bisogna però cambiare operatore: scegliere il piano telefonico più conveniente con un nuovo gestore e chiedere la “portabilità del numero”. Ma l’utente ha anche la possibilità di chiedere il ripristino della tariffa. Questa azione ha più vigore se ci si consorzia tra vari utenti delusi e si coinvolgono le authority.

Tags
Back to top button
Close