MondoPrimo Piano

Trump annuncia nuove sanzioni contro l’Iran

Cresce la tensione nell’area del Golfo Persico: il presidente Usa affila le armi e annuncia nuove «pesanti» sanzioni contro Teheran, non esclude l’azione militare, ma allo stesso tempo propone un accordo sul programma nucleare

Solo pochi giorni fa il presidente americano Donald Trump ha deciso di annullare un’operazione militare contro l’Iran che lui stesso aveva approvato poco prima, e che avrebbe potuto portare a una rapida e significativa escalation di tensione tra i due paesi nella regione del Golfo Persico. E adesso ha già annunciato «nuove pesanti sanzioni contro l’Iran». L’Iran, secondo il Dipartimento di Stato, sarebbe già allo stremo. Le ulteriori misure restrittive potrebbero colpire quello che resta della produzione ed esportazione del petrolio.

Il «Consiglio di guerra sull’Iran» per il momento si è sciolto a Washington. Ora tocca alla diplomazia. «L’opzione militare è sempre sul tavolo fino a che non avremo risolto questo problema. Probabilmente l’abbattimento del nostro drone è stato intenzionale. Ma ho l’impressione che abbiamo molto tempo davanti. L’Iran non avrà mai armi nucleari. Vuole diventare di nuovo una grande nazione? Per me va bene», ha spiegato Trump. E a questo punto il presidente riadatta il suo slogan elettorale del 2016: «Make Iran great again». Trump ha ribadito che non vuole una guerra con l’Iran dopo aver annullato un attacco dieci minuti prima dell’esecuzione perché «ci sarebbero state 150 vittime». E apre a un negoziato senza pre-condizioni. «Non puoi avere armi nucleari. E se vuoi parlarne, bene. Altrimenti, puoi vivere in un’economia a pezzi per tanto tempo a venire», ha avvertito.

LEGGI ANCHE: Iran provoca sul nucleare, Usa rispondono con l’invio di 1000 soldati

In ogni caso Trump deve trovare una via d’uscita. Il Consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton è in viaggio verso Israele, dove incontrerà anche diplomatici russi. L’escalation di tensione nell’area del Golfo Persico arriverà sul tavolo del Consiglio di Sicurezza dell’Onu lunedì in una riunione a porte chiuse mentre i toni restano alti. L’Iran ha avvertito: «Ogni errore commesso dai nemici dell’Iran, in particolare dagli Usa e dai loro alleati regionali, sarebbe come sparare su una polveriera che brucerà gli Stati Uniti e i loro interessi».

Tags

Related Articles

Back to top button
Close