Italia

Pubblica amministrazione, impronte digitali contro i furbetti del cartellino

La misura per verificare gli accessi sul posto di lavoro, prevista dalla legge «Concretezza», attende l’ok del Garante della Privacy. La ministra Bongiorno: «È finita l'epoca delle truffe»

Nel giorno in cui a Molfetta sono stati arrestati 12 presunti “furbetti del cartellino“, è stato inviato al Garante della Privacy il regolamento sulle impronte digitali per la verifica degli accessi al lavoro dei dipendenti pubblici e la prevenzione dell’assenteismo. Il garante invierà poi il regolamento alla Conferenza Unificata del Consiglio di Stato per i relativi pareri, mentre per l’istituzione del Nucleo per la Concretezza si dovrà attendere settembre.

Il regolamento e il Nucleo per la concretezza hanno lo scopo di guidare i vari enti in questo miglioramento delle prestazioni, con l’avvio per esempio un’informatizzazione delle procedure e una velocizzazione dei concorsi pubblici, ma anche l’introduzione di controlli più efficaci sulle presenze, al fine di evitare il fenomeno dei cosiddetti “furbetti del cartellino”. Oltre alla videosorveglianza si parla di controlli biometrici, come il riconoscimento dell’impronta digitale o la verifica dell’iride.

È la fine del badge. E pure dei furbetti che per molto tempo ne hanno fatto un uso molto creativo. Il ministro per la Pubblica amministrazione, Giulia Bongiorno, ha commentato la notizia dell’entrata in vigore della legge Concretezza su Twitter: «Con le impronte digitali stop ai truffatori e alla ‘fraudolenta solidarietà’», scrive il ministro. Poi, aggiunge di essere «felice di una legge che prevede la drastica riduzione dei tempi delle procedure concorsuali, nuove risorse in settori strategici della P.a, aiuti alle amministrazioni in affanno e un metodo di lotta contro l’assenteismo finalmente incisivo: fino ad oggi, di fatto, la facevano franca in troppi; adesso, con le impronte digitali e la videosorveglianza, preveniamo il fenomeno. È finita l’epoca delle truffe».

Tags

Related Articles

Back to top button
Close