Violenza sulle donne, il Codice Rosso è legge: sfregio del volto e revenge porn i nuovi reati

Il ddl si compone di 21 articoli che prevedono procedimenti penali più veloci per prevenire e combattere la violenza domestica e di genere

Una corsia preferenziale per le denunce, indagini più rapide e l’obbligo per i pubblici ministeri di ascoltare le vittime di violenza entro tre giorni. Eliminazione delle attenuanti per il femminicidio, introduzione di nuovi reati come il ‘revenge porn’ e la deformazione permanente del volto: sono queste le novità principali contenute nel Codice rosso, il ddl sulla tutela delle vittime di violenza domestica e di genere che ha ricevuto il via libera definitivo del Senato e che con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale diventa legge.

Il ddl si compone di 21 articoli che prevedono procedimenti penali più veloci per prevenire e combattere la violenza di genere. Il «fattore tempo», oltre all’inasprimento delle pene è il perno su cui il governo punta per combattere il dilagare di violenze, maltrattamenti e femminicidi. Sarà quindi accelerato il corso delle inchieste, per evitare che i tempi più lunghi nello svolgimento degli accertamenti rallentino e pregiudichino la tempestività degli interventi contro i reati di maltrattamenti, violenza sessuale, stalking e di lesioni aggravate, se commessi all’interno di contesti familiari o nell’ambito di relazioni di convivenza. Saranno, infatti, previste pene più severe per i reati di maltrattamenti in famiglia: la reclusione, prevista attualmente dal codice penale da due a sei anni, cambierà da tre a sette anni. Aumento di pena se il fatto è commesso in presanza o a danno di minori, di donne incinte, di persone con disabilità e se il fatto è commesso con armi. Inoltre, una donna, avrà 12 mesi di tempo per denunciare una violenza sessuale subita, anziché i sei previsti finora.La reclusione, per stalking, passerà da uno a sei anni e sei mesi.

LEGGI ANCHE: Non chiamatelo revenge porn

Tra le novità introdotte dalla nuova misura c’è il reato di ‘revenge porn’. Previsto il carcere, da uno a sei anni, e multe da 5mila e 15mila euro per chiunque diffonda foto e video a contenuto sessuale per vendicarsi del partner dopo la fine di una relazione. Stessa pena è applicata a chi riceve immagini e le diffonde senza il consenso delle persone filmate. Ci sono aggravanti se il reato è commesso dal partner o da un ex, con diffusione via social. Tutele maggiori considerate per disabili e donne incinte.

E per chi sfregia con l’acido, nel codice penale arriva il nuovo reato di «deformazione dell’aspetto della persona mediante lesioni permanenti al viso». Chi lo commette è punito con la reclusione da otto a quattordici anni. Se lo sfregio causa la morte della vittima la pena è l’ergastolo. In caso di condanna, scatta l’interdizione perpetua da qualsiasi ufficio attinente alla tutela, alla curatela ed all’amministrazione di sostegno. Benefici come l’assegnazione al lavoro all’esterno, i permessi premio e le misure alternative alla detenzione diventerà saranno concessi con molta cautela.

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi