PoliticaPrimo Piano

Rivoluzione M5s, Di Maio ha trovato il modo per aggirare la regola dei due mandati

Il capo politico dei Cinquestelle ha proposto l’introduzione di un «mandato zero» per i consiglieri comunali. In pratica, un mandato «che non si conta nella regola dei due mandati, cioè che non vale»

«Abbiamo deciso di introdurre il cosiddetto “mandato zero”. Che cos’è il mandato zero? È un mandato, il primo, che non si conta nella regola dei due mandati, cioè un mandato che non vale». Comincia dai comuni la rivoluzione annunciata dal capo politico del M5s, Luigi Di Maio, all’indomani della sconfitta elettorale alle Europee. Dopo aver presentato la figura dei “facilitatori”, che di fatto faranno quello che in altri partiti fanno i responsabili locali, in un nuovo video Di Maio ha spiega l’idea del «mandato zero»: un modo per aggirare la regola che imponeva a tutti gli eletti con il M5S di ritirarsi dalla politica dopo due mandati a qualunque livello.

Ma la deroga alla regola dei due mandati varrà soltanto per gli eletti nei consigli comunali e nei consigli di zona e avrà diverse eccezioni a seconda dei diversi percorsi politici di ogni eletto. Come sempre, prima di entrare in vigore le nuove norme saranno sottoposte al voto sulla piattaforma Rousseau. «Ora voglio essere molto chiaro – dice Di Maio – il mandato zero e l’eventuale introduzione del mandato zero, se vorrete votarlo come iscritti, varrà solo e soltanto per i consiglieri comunali e per i consiglieri di municipio».

LEGGI ANCHE: «Il Movimento 5 stelle cambierà» o è già cambiato

Tante persone, dice il capo politico M5s, non si candidano a sindaco al secondo mandato perché hanno molte liste contro e temono di riuscire a ottenere al massimo un posto da consigliere. Risultato che precluderebbe la possibilità di portare la loro esperienza in Parlamento o in consiglio regionale. Il mandato zero serve proprio a evitare questa situazione: «Se tu vieni eletto consigliere comunale o di municipio al primo mandato e lo porti avanti tutto e poi decidi di ricandidarti e non diventi né presidente di municipio né sindaco, allora il tuo secondo mandato, quello precedente, cioè il mandato zero, non vale. Se invece ti ricandidi come sindaco e vieni rieletto sindaco, allora a quel punto quello è il tuo secondo mandato e lo fai da sindaco per cambiare la tua città in cinque anni anche grazie all’esperienza che hai maturato nel tuo primo mandato».

Finora il M5s non si è mai presentato a una competizione in coalizione. A livello locale questa politica “isolazionista” potrebbe finire. «Spesso – dice Di Maio – le liste civiche sono serbatoi di voti che nascono due mesi prima delle comunali o delle regionali e scompaiono il giorno dopo le elezioni comunali o regionali, ma se ci troviamo su un territorio in cui abbiamo lavorato fianco a fianco con un comitato, un’associazione, un movimento, per anni abbiamo lavorato insieme, ha senso secondo voi poi andare alle comunali e candidarci gli uni contro gli altri?». Il vicepremier propone di avviare una sperimentazione su quei territori dove il Movimento ha stretto alleanze ormai consolidate con comitati, associazioni e movimenti a cominciare, dice, da «qualche elezione regionale dei prossimi mesi, o in qualche elezione comunale. E ovviamene sarà mia cura fare in modo che siano delle vere liste civiche con una storia di partecipazione insieme».

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi