Cultura

Otto serie tv in arrivo per colmare il vuoto de “Il Trono di Spade”

Da "The Witcher" a "Le cronache di Narnia", i nostri consigli per gli orfani del popolare show HBO tratto dai romanzi di George R. R. Martin

L’epilogo dell’ottava stagione di “Game of Thrones” ha lasciato un vuoto incolmabile nel vostro cuore e nei vostri palinsesti televisivi? Come può accadere una volta lette le ultime righe di un bel libro, anche ultimare la visione di una serie tv può lasciare un inesorabile senso di vuoto e spaesamento. Le domande che sorgono spontanee sono: Cosa guardare adesso? Troverò una serie all’altezza? Considerando che la risposta alla seconda domanda dipende esclusivamente dagli standard e dai gusti personali, tenteremo di trovare risposta almeno alla prima. Di seguito un elenco di serie in uscita o ancora in fase di produzione che, presentando affinità con “Il Trono di Spade” per tematiche, ambientazione o genere, potranno sicuramente alleviare il vuoto lasciato dallo show HBO.

1. The Witcher
“The Witcher” è una serie fantasy di Netflix basata sull’omonima saga letteraria dello scrittore polacco Andrzej Sapkowski, da cui è stato tratto anche un famoso videogioco action RPG. La storia è incentrata su Geralt di Rivia (Henry Cavill), un essere umano dotato di poteri speciali con cui sconfigge i più temibili mostri della tradizione slava, sparsi in un continente immaginario diviso tra l’Impero di Nilfgaard e il Regno di Temeria. La sua vita è scandita dalle missioni che gli vengono affidate, e che nella maggior parte dei casi si rivelano più semplici dei rapporti sociali con altri esseri umani, spesso più malvagi delle bestie, finché Geralt non incrocia sul suo cammino una potente strega (Anya Chalotra) e una giovane principessa (Freya Allan) con un pericoloso segreto. In un mondo sempre più instabile e prossimo alla guerra, i tre uniscono le forze per difendere l’ultimo baluardo di civiltà rimasto. La fine delle riprese è avvenuta il 30 maggio 2019, quindi si prevede che la serie sarà disponibile entro la fine di quest’anno.

The Witcher


2. The Twilight Zone

“The Twilight Zone” è il remake dell’acclamata serie fantascientifica di Rod Sterling Ai confini della realtà, che debuttò in tv nel 1959. Realizzata da Simon Kinberg insieme al premio Oscar Jordan Peele, The Twilight Zone è una serie antologica. In ciascun episodio si racconta una storia diversa legata alla coscienza sociale, con l’aggiunta di fenomeni paranormali e fantastici, nell’indagine sulla condizione umana e sulla cultura del nostro tempo. La prima stagione si compone di nove episodi ed è stata confermata anche una seconda stagione. La prima stagione è già disponibile su CBS All Access a partire dall’1 aprile 2019.

3. La serie su “Il Signore degli Anelli”
Dopo la lotta tra Netflix e Amazon per l’acquisizione dei relativi diritti, il secondo contendente è riuscito nell’ambiziosa impresa sborsando 250 milioni di dollari. L’obiettivo di Jeff Bezos? Creare una serie tv grandiosa, paragonabile alla suddetta “Game of Thrones”. La serie non ha ancora un titolo definito ma è previsto un budget di circa un miliardo di dollari e la produzione di almeno cinque stagioni. Messo a confronto con la saga cinematografica della Compagnia dell’Anello, sarà un prequel ambientato nella Terra di Mezzo e, dal punto di vista temporale, nella Seconda Era. Vale a dire quel periodo ricordato anche con il nome di Era di Númenor. Sono due gli eventi più rilevanti: l’intervento del dio Eru Ilúvatar dopo che l’uomo ha sfidato le leggi divine e la formazione dell’Ultima Alleanza tra Elfi e Uomini che ha portato all’originaria sconfitta di Sauron, con la quale si conclude la Seconda Era. Tra gli altri importanti accadimenti, troviamo anche la genesi di Gran Burrone, il raggiungimento del periodo più prospero per la città dei Nani, successivamente conosciuta con il nome di Moria, e la forgiatura degli Anelli del Potere. Purtroppo però c’è ancora un po’ di tempo da aspettare considerando che le riprese dovrebbero appena essere iniziate nell’estate scozzese.

LEGGI ANCHE: Lo streaming video cambia il modo di guardare la tv

4. Carnival Row
“Carnival Row” è una serie tv appartenente al genere noir-fantasy nata da un progetto di Guillermo del Toro, scritta e prodotta da René Echevarria e Travis Beacham. La vicenda è ambientata in una città in età neo-vittoriana, luogo in cui creature mitologiche trovano rifugio dopo essere fuggite dalla terra d’origine per via della guerra. Mentre la tensione cresce tra i cittadini e le creature mitologiche, Rycroft Philostrate, un ispettore della polizia, rischia tutto nel tentativo di risolvere – tra gli altri – l’assassinio di una creatura fatata. Nel cast si trovano Orlando Bloom e Cara Delevingne. Prodotta da Amazon Studios e Legendary Television, Carnival Row non ha ancora una precisa data di uscita in Italia, ma si prevede che negli Stati Uniti sia disponibile già dal 30 agosto 2019.

Carnival Row

5. Bloodmoon
Quale consiglio migliore se non quello di cimentarsi nella visione del prequel de “Il Trono di Spade”? Anche in questo caso bisognerà aspettare verso la fine del 2020, però sicuramente ne varrà la pena. La serie sarà ambientata durante l’Età degli Eroi, un periodo della storia di Occidente che deriva il suo nome dal grande numero di figure importanti che vi hanno vissuto, come gli Stark e i Lannister. Si attesta in corrispondenza della Lunga Notte, un periodo di paura e morte in cui una terribile oscurità calò sul mondo conosciuto, portando all’arrivo degli Estranei ed il loro esercito di non-morti dall’estremo Nord. Scritta da George R.R. Martin e Jane Goldman, la serie riunisce nel cast Naomi Watts, Josh Whitehouse, Tony Regbo, Ivanno Jeremiah, Georgie Henley, Naomi Ackie, Denise Gough, Jamie Campbell Bower, Sheila Atim, Alex Sharp e Miranda Richardson.

6. Good Omens
“Good Omens” è una miniserie basata sul romanzo “Buona Apocalisse a tutti!” di Terry Pratchett e Neil Gaiman, pubblicato nel 1990. Diretta da Douglas Mackinnon e scritta dallo stesso Gaiman, la serie si compone di sei episodi ambientati nel 2018. Segue le vicende del demone Crowley (David Tennant) e dell’angelo Aziraphale (Michael Sheen), che vivono sulla Terra sin dall’alba dei tempi in veste di rappresentanti dell’Inferno e del Paradiso. Felici della propria vita tra gli umani, i due decidono di allearsi per evitare la venuta dell’Anticristo e con essa l’Apocalisse. La serie, prodotta da Amazon Studios e BBC Studios è disponibile su Amazon Prime Video a partire dal 31 maggio 2019.

Good Omens

7. His Dark Materials
“His Dark Materials” è una serie fantasy tratta dalla rinomata trilogia omonima di Philip Pullman. L’adattamento è una creazione di Jack Thorne (The Last Panthers) insieme al regista premio Oscar Tom Hooper (Il discorso del re). La vicenda racconta la storia di Lyra Belacqua (Dafne Keen), una bambina di 11 anni allegra e brillante cresciuta a Oxford, in Inghilterra. Vive però in un mondo parallelo in cui a ogni essere umano è affiancato un alter ego, un daimon sotto forma animale. La vicenda diventa intricata quando iniziano a sparire dei bambini, che si vocifera vengano sottoposti a terribili esperimenti. Con l’obiettivo di salvarli, Lyra s’imbarca in un pericoloso viaggio nel multiverso, imparando a distinguere il male dal bene. Il cast stellare include James McAvoy nei panni di Lord Asriel, lo zio di Lyra; Ruth Wilson come la signora Coulter e Lin-Manuel Miranda come Lee Scoresby. Già disponibile in Inghilterra ma ancora non si sa quando approderà in Italia.

8. La serie su “Le Cronache di Narnia”
Stavolta i diritti dei sette libri scritti da C.S. Lewis sono stati acquistati da Netflix e saranno trasformati in un formato seriale. I romanzi sono ambientati durante la seconda guerra mondiale. I quattro fratelli Pevensie, per sfuggire ai bombardamenti, vengono mandati nella casa di campagna del professor Digory Kirkle. Esplorando la casa, Lucy, la minore, scopre il passaggio per il magico mondo di Narnia in un armadio dando così il via a una serie di avventure straordinarie che coinvolgeranno lei e i suoi fratelli. Ancora non si hanno informazioni sulla produzione e men che meno sulla data di uscita. Ma sicuramente chi ama il genere fantasy e ha letto i libri o ha visto l’adattamento cinematografico degli stessi sa già che vale la pena aspettare.

Tags
Back to top button
Close