PoliticaPrimo Piano

Il governo Conte è al completo: hanno giurato sottosegretari e viceministri

I 42 membri della squadra del sottogoverno hanno prestato giuramento davanti al premier Conte e al sottosegretario alla presidenza del Consiglio Fraccaro. Ultimo atto che segna la partenza del governo giallorosso

«Giuro di essere fedele alla Repubblica, di osservarne lealmente la Costituzione e le leggi e di esercitare le mie funzioni nell’interesse esclusivo della Nazione»: i 42 sottosegretari nominati dal Consiglio dei ministri di venerdì scorso hanno giurato a Palazzo Chigi, dinanzi al premier Giuseppe Conte e al sottosegretario alla presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro. Una nomina, quella dei viceministri e dei sottosegretari, che ha rappresentato uno dei primi terreni di scontro tra le forze al governo. Alla fine la squadra è stata fatta: 21 incarichi al M5s, 18 al Pd, 2 a Leu e uno al Maie.

«Voglio ringraziarvi per la disponibilità e darvi il benvenuto nella squadra di governo. Abbiamo una grande responsabilità, siamo qui per un ufficio pubblico, e dobbiamo realizzarlo con disciplina e onore, come ci impone la Costituzione che sarà la nostra stella polare. Ma al di là di questo noi ci metteremo cuore, passione e impegno perché servire il Paese non capita tutti i giorni e dovremmo veramente fare il massimo per cercare di offrire risposte alle urgenze e ai bisogni comunità nazionale. Lo faremo con grande orgoglio e grande determinazione», ha dichiarato Conte al termine del giuramento dei sottosegretari.

LEGGI ANCHE: La scissione di Renzi agita il Pd

Servizi e disabilità sono le materie che Conte ha stabilito di tenere per sé. Al senatore M5s Mario Turco è stata affidata la delega centrale alla programmazione economica e gli investimenti, e ad Andrea Martella del Pd quella all’editoria. Al ministero dell’Economia il M5s conferma i due uscenti Laura Castelli (viceministro) e Alessio Villarosa, ma anche LeU, con Cecilia Guerra, ottiene di essere presente al fianco dei due dem Antonio Misiani (viceministro) e Pierpaolo Baretta. Il Pd riporta al governo tanti ex, tra questi Marina Sereni (viceministro Esteri), Lorenza Bonaccorsi (Cultura) e Sandra Zamp (Salute)a. Generando qualche tensione interna il ministro degli Esteri e capo politico Luigi Di Maio ha confermato parecchi degli uscenti: Ferraresi (Giustizia), Tofalo (Difesa), Sibilia (Interno), Di Stefano e Del Re agli Esteri, Crimi (dall’Editoria passa all’Interno). Nel Pd un certo malcontento di corrente spira in area Renzi (malgrado i cinque approdi nei ministeri di Malpezzi, Morani e Margiotta di Base riformista, più Ascani e Scalfarotto), a motivo della esclusione geografica dei toscani lamentata per primo da sindaco di Firenze Dario Nardella.

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi