ItaliaPickNews

Mafia, 9 anni di carcere per Vito Nicastri: «Ha finanziato la latitanza di Messina Denaro»

Il “re dell’eolico” è stato condannato per concorso esterno in associazione mafiosa

Nove anni di carcere per concorso esterno in associazione mafiosa. È la condanna emessa dal gup di Palermo per il “re dell’eolico”, Vito Nicastri, l’imprenditore di Alcamo in affari con Paolo Arata, l’ex consulente di Matteo Salvini. Secondo l’accusa, Nicastri sarebbe stato tra i finanziatori della latitanza del boss Matteo Messina Denaro, imprendibile dal giugno 1993.

LEGGI ANCHE: La tela di Arata: le relazioni con Siri e la Lega

Da maggio, dopo l’arresto per la vicenda Arata, l’imprenditore che collabora con i magistrati della procura di Palermo, ha svelato alcuni episodi di corruzione di pubblici funzionari, chiamando in causa il suo socio occulto Arata, ma ha sempre negato di avere avuto rapporti con esponenti mafiosi. Ora, questa sentenza lo smentisce. È stato il pentito Lorenzo Cimarosa, cugino di Messina Denaro, scrive Repubblica, a svelare che Nicastri avrebbe fatto avere “una borsa piena di soldi” agli uomini legati al latitante.

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi