Mondo

Usa, i dem vincono l’Election Day. Trump perde Kentucky e Virginia

I Repubblicani mantengono il Mississippi. In quello che viene considerato un test in vista del voto per la Casa Bianca nel 2020 il presidente vede vacillare il suo consenso

Nel Super Tuesday elettorale Donald Trump ha perso le elezioni in due Stati su tre. Ai dem vanno Virginia e Kentucky. Mentre il Mississippi rimane ai repubblicani. Un voto, quello locale, che è stato molto sentito dagli americani in vista delle presidenziali del 2020. Per Trump è stato il primo test in vista del voto per la Casa Bianca, sullo sfondo dell’indagine di impeachment. E secondo alcuni giornali Usa, il presidente dovrebbe cominciare a preoccuparsi visto il risultato.

LEGGI ANCHE: Stati Uniti, la Camera approva la procedura di impeachment contro Trump

La sconfitta più pesante per l’inquilino della Casa Bianca è rappresentata dal Kentucky dove lui vinse con uno scarto di 30 punti sulla rivale democratica Hillary Clinton alle presidenziali del 2016. In Kentucky la distanza tra i due sfidanti è molto ravvicinata tanto che il governatore uscente del Kentucky, il repubblicano Matt Bevin, in corsa per la rielezione, si è rifiutato di concedere la vittoria allo sfidante democratico Andy Beshear che ha già rivendicato il successo. Il democratico avrebbe ottenuto il 49,2% dei voti contro il 48,9% di Matt Bevin.

Juli Briskman
Juli Briskman

In Virginia dopo più di 20 anni i dem hanno conquistato l’intero parlamento. E nel Consiglio delle autorità di vigilanza della contea di Loudoun ha trionfato Juli Briskman, la donna che divenne famosa per aver manifestato il suo dissenso mostrando il dito medio medio al passaggio del corteo di auto del presidente Donald Trump mentre andava in bici nell’ottobre del 2017. La foto divenne virale e quel gesto le costò il posto di lavoro: il suo datore di lavoro – un’azienda della Virginia che partecipa alle gare d’appalto del Governo – la licenziò con effetto immediato accusandola di avere violato la politica aziendale sui social media.

Il presidente può però leccarsi le ferite in Mississippi, dove per l’elezione del governatore il candidato repubblicano Tate Reeves trionfa contro il rivale dem Jim Hood con il 52,7% contro il 46%. Un successo che consente al Grand Old Party di mantenere questa carica in uno Stato che nel 2016 consentì a Donald Trump di vincere con il 17% di scarto su Hillary.

Tags

Related Articles

Back to top button
Close