PickNewsSport

Chi è Jannik Sinner, il predestinato del tennis italiano

Il giovane tennista ha conquistato la terza edizione delle Next Gen Atp Finals, battendo in finale il numero 18 al mondo Alex De Minaur

Diciotto anni e grandi speranze. Arriva dalla provincia di Bolzano, Jannik Sinner il vincitore della terza edizione delle Next Gen Atp Finals, torneo a cui partecipano i migliori Under 21 del circuito. Un successo storico ma Sinner pensa già futuro: «Abbiamo tanto da lavorare nelle prossime settimane». Non c’è tempo da perdere: migliorare ancora e scalare la classifica Atp. Al momento, Sinner è numero 95 e in finale a Milano ha battuto in tre set il numero 18 al mondo, l’australiano Alex De Minaur, dimostrando una crescita impressionante.

Le Next Gen Atp Finals hanno trasformato Sinner da promessa a certezza del tennis mondiale. In soli 24 mesi ha divorato la classifica Atp, passando dal 1592° posto del gennaio 2018 al 93° posto, diventando il più giovane italiano della storia a raggiungere la top 100 mondiale. Sinner, nato a San Candido (Bolzano), ha iniziato a giocare a tennis a 7 anni. Da grande promessa dello sci alpino, all’età di 13 anni venne notato da Massimo Sartori, coach di Andrea Seppi, che lo invitò a trasferirsi l’accademia di tennis di Riccardo Piatti a Bordighera, in Liguria. E da lì, Jannik ha iniziato il suo cammino, migliorando allenamento dopo allenamento, torneo dopo torneo, fino alla vittoria delle Next Gen Atp Finals. La prima grande affermazione di una carriera da predestinato.

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi