ItaliaPickNews

Non solo medici, ecco le lauree più richieste dalle aziende nei prossimi 5 anni

Quale università scegliere? A indicare la rotta sulle professioni più richieste nel prossimo futuro è il Report Excelsior realizzato da Unioncamere e Anpal

AAA laureati cercasi. Nei prossimi 5 anni il mercato del lavoro italiano avrà bisogno di un milione di laureati, ma i nostri atenei ne sforneranno circa centomila in meno. Se alla scarsa offerta di laureati si aggiunge il forte disallineamento fra i percorsi di studio scelti e le richieste del mercato del lavoro il dato diventa allarmante: mentre infatti ci saranno fin troppi laureati in discipline politico-sociali, umanistiche e psicologiche, non solo gli ospedali faranno sempre più fatica ad approvvigionarsi di medici, ma mancheranno anche ingegneri, architetti, manager, scienziati, statistici e, un po’ a sorpresa, i laureati in giurisprudenza. Sono questi solo alcuni dei numeri del nuovo rapporto Excelsior sui fabbisogni occupazionali 2019-2023 di Unioncamere e Anpal.

Lo studio, elaborando i dati del Miur, rileva che nel periodo 2019-2023 il totale dei neo-laureati ammonterà a 893.600 unità a fronte di una domanda di personale laureato che andrà tra le 959mila e le 1.014unità. Quindi, mancheranno all’appello da 65.400 a 120.200 titolari di pergamena. Il settore che soffrirà di più la mancanza di candidati a coprire i posti vacanti sarà quello medico-sanitario, che avrà la maggiore offerta di impieghi, fino a 175.800, ma una disponibilità di solo 109.400 professionisti da assumere. Ma ci sarà carenza di circa 30mila economisti e 30mila ingegneri e addirittura circa 50mila specialisti in materie giuridiche, a fronte di un surplus di 10mila insegnanti, di 30mila operatori del sociale e di 9mila esperti agroalimentari.

Il sistema formativo italiano dovrà anche prepararsi a rispondere alle sfide dei cambiamenti nei trend produttivi dei settori economici, che saranno fortemente influenzati dalla pervasività della rivoluzione tecnologica e dalla necessità di riorientare le scelte produttive verso un green new deal. In particolare, le imprese ricercheranno tra i 275mila e i 325mila lavoratori con specifiche competenze matematiche e informatiche, digitali e social o relative agli sviluppi nell’utilizzo dell’intelligenza artificiale o dei big data e delle tecnologie 4.0. Ciò si tradurrà non soltanto in una richiesta di nuove figure professionali o di figure già esistenti in grado di gestire le rapide trasformazioni tecnologiche, ma anche nella necessità di un continuo adeguamento delle competenze digitali per tutte le figure che saranno richieste.

Tags

Related Articles

Back to top button
Close