Dazi, tregua tra Stati Uniti e Cina

Scongiurata una nuova escalation: Pechino blocca i dazi su circa 300 prodotti made in Usa, mentre Trump annuncia la corrispettiva sospensione delle tariffe al 15% su quasi 160 miliardi di dollari di prodotti cinesi

Tregua tra Stati Uniti e Cina sul fronte dazi. Pechino ha deciso di sospendere i dazi su circa 300 prodotti made in Usa che sarebbero dovuti entrare in vigore oggi. L’annuncio è arrivato nel corso di una conferenza stampa a Pechino a cui hanno partecipato cinque negoziatori della squadra guidata dal vice premier Liu He per la risoluzione della disputa tariffaria con gli Usa. In contemporanea, Donald Trump su Twitter ha confermato la corrispettiva sospensione delle tariffe Usa al 15% su quasi 160 miliardi di dollari di prodotti cinesi. Si continua, dunque, a negoziare.

LEGGI ANCHE: Dazi e cybersecurity: la guerra commerciale tra Usa e Cina

L’accordo di prima fase lascia in vigore alcuni dazi, tra cui uno del 25% su circa 250 miliardi di dollari di importazioni cinesi, mentre molte delle tariffe rimanenti saranno ridotte al 7,5%. Il testo dell’accordo comprende i trasferimenti di tecnologia, la proprietà intellettuale, i prodotti alimentari e agricoli, i servizi finanziari e l’espansione del commercio. Gli Stati Uniti, riferisce Pechino, si sono detti d’accordo ad abbassare “gradualmente” le tariffe sui prodotti cinesi.Con il raggiungimento dell’intesa sul testo dell’accordo di fase uno, ha confermato il vice ministro delle Finanze di Pechino, Liao Min, gli Usa «hanno promesso di cancellare parte delle tariffe esistenti e di quelle che devono essere imposte. La Cina si comporterà di conseguenza».

Il nuovo protocollo per il blocco dei nuovi aumenti tariffari sarà siglato ai primi di gennaio. Intanto il presidente Donald Trump ha celebrato l’accordo su Twitter, attaccando i Democratici che, secondo lui, non avrebbero fatto abbastanza durante l’amministrazione di Obama per stringere accordi con Pechino. Democratici che il presidente Usa preferisce definire «Do Nothing Democrats».

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi