MondoPrimo Piano

I rapporti commerciali post-Brexit secondo Boris Johnson

«Londra ha riscoperto dei muscoli che non usava da decenni», ha detto il premier britannico anticipando i nodi della trattativa con Bruxelles in un discorso che è un inno al mercato e alle politiche di libero scambio

Il premier britannico Boris Johnson, a tre giorni dall’entrata in vigore della Brexit, anticipa i nodi della trattativa con Bruxelles: vuole un’intesa basata sulla libera circolazione delle merci, che «non richiede alcun allineamento alle regole e agli standard dell’Ue sulla politica della competizione, i sussidi, la protezione sociale, l’ambiente o nulla di simile». Boris Johnson guarda al futuro del suo paese come a quello di un supereroe che, subita la trasformazione, diventa «campione potenziato» del libero commercio e non ha bisogno di accettare le norme Ue. Il commercio globale ha bisogno «di un Paese pronto a togliersi gli occhiali da Clark Kent, saltare nella cabina telefonica ed emergere con il suo mantello, come il supereroe potenziato del diritto delle popolazioni della Terra a comprare e vendere liberamente tra loro». «Il Regno Unito è pronto per quel ruolo», ha dichiarato il premier britannico.

LEGGI ANCHE: Come cambia il Parlamento europeo dopo la Brexit

La scelta dei negoziati sulle relazioni post Brexit fra Regno Unito e Ue «non è ormai tra accordo e no-deal – ha detto Johnson – ma tra una relazione commerciale comparabile a quella del Canada (il Ceta, accordo di libero scambio tra pressoché a zero dazi negoziato però per sette anni) e un’intesa meno ambiziosa, più simile a quella tra Australia e Ue». «In ogni caso – ha detto Johnson in tono di sfida – non ho dubbi che la Gran Bretagna prospererà» e potrà «scatenare tutto il suo potenziale».

Esalta le politiche del libero scambio, che il suo governo rivendica e di cui il Regno Unito deve restare «un campione» per il «bene del mondo». Ha poi criticato i protezionisti che stanno prendendo piede «a Bruxelles, in Cina o a Washington, agitando in giro dazi come randelli». Così «il libero commercio viene strozzato, con una proliferazione crescente delle barriere e ritardi sulla crescita». E ha parlato anche dei negoziati con gli Stati Uniti: «Condivido l’ottimismo di Trump e agli antiamericani che sono contrari a un accordo commerciale con gli Usa dico: ‘crescete’». «Sappiamo dove vogliamo andare e questo luogo è fuori, nel mondo. Stiamo riemergendo da anni di ibernazione come campioni del libero scambio e Londra è pronta a impegnarsi in vari negoziati”per volta, riscoprendo muscoli che non usava da decenni».

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi