ItaliaPrimo Piano

Coronavirus, chi sono le vittime italiane: età media 81 anni, quasi tutte con altre patologie

Uno studio dell’Istituto superiore di sanità conferma quanto già rilevato in Cina: le vittime legate all’epidemia di Covid-19 sono in gran parte anziani che avevano già problemi di salute

L’età media dei pazienti italiani deceduti e positivi a Covid-19 è 81 anni, sono in maggioranza uomini (le donne sono 28, pari al 26,7%) e in più di due terzi dei casi hanno tre o più patologie preesistenti. È quanto emerge da un’analisi sui dati di 105 pazienti italiani deceduti al 4 marzo, condotta dall’Istituto Superiore di Sanità, che sottolinea come ci siano 20 anni di differenza tra l’età media dei deceduti e quella dei pazienti positivi al coronavirus.

LEGGI ANCHE: In Germania il primo focolaio in Europa: coronavirus identificato in un uomo il 24 gennaio

Anche in Italia si riproduce, dunque, una situazione simile a quella osservata in Cina: la tendenza a sviluppare i casi più gravi e a concentrare la mortalità nelle persone più avanti con gli anni, specie se affette da altre patologie che ne minano il benessere generale. Il report riguarda 73 pazienti deceduti in Lombardia, 21 in Emilia Romagna, 7 in Veneto e 3 nelle Marche, ed è basato sui dati ottenuti tramite la compilazione di un questionario sviluppato ad hoc ai fini della rilevazione dei casi di morte.

La maggior parte dei decessi (42,2%) si è avuta nella fascia di età tra 80 e 89 anni; il 32,4% dei decessi erano tra 70 e 79; l’8,4% erano tra 60 e 69; il 2,8% tra 50 e 59 e il 14,1% sopra i 90 anni. Le donne decedute dopo aver contratto il virus hanno un’età più alta degli uomini. L’età media per le donne è 83,4, mentre per gli uomini è 79,9.

In più di due terzi dei casi i morti positivi al coronavirus avevano tre o più patologie preesistenti: il numero medio di patologie osservate è di 3,4. Con maggior precisione: il 15,5% del campione non presentava patologie, o ne aveva una soltanto; il 18,3% ne presentava 2; il 67,2% ne presentava 3 o più patologie. L’ipertensione era presente nel 74,6% del campione, seguita dalla cardiopatia ischemica (70,4%) e dal diabete mellito (33,8%).

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi