ItaliaPrimo Piano

Sport, supermercati e seconde case: la nuova ordinanza per contenere i contagi

Chiudono parchi e giardini pubblici. Si può continuare correre all’aperto da soli e nelle vicinanze della propria abitazione

Chiusi tutti i parchi, le ville e i giardini pubblici. L’attività sportiva resta consentita, ma solamente vicino a casa. Viene introdotto il divieto di spostarsi nelle seconde case nei giorni festivi. Sono alcune delle ulteriori restrizioni decise dal governo con una ordinanza che serve a limitare il contagio da coronavirus, in vigore dal 21 al 25 marzo, giorno in cui scadono tutte le altre misure che restringono gli spostamenti e che con ogni probabilità verranno rinnovate.

L’ordinanza riguarda innanzitutto le modalità per uscire dalle proprie abitazioni. A proposito della possibilità di correre all’aperto, il governo ha deciso che si potrà fare soltanto da soli, in prossimità della propria abitazione e nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona. Saranno quindi chiusi «parchi, ville, aree gioco e giardini pubblici» e esplicitamente vietate le «attività ludiche o ricreative all’aperto». La decisione del governo era stata auspicata da diversi amministratori locali, che nel corso degli ultimi giorni avevano iniziato a prendere provvedimenti in tal senso in autonomia.

Il governo non ha preso invece alcun provvedimento sulla chiusura anticipata dei supermercati. Era stata richiesta da diverse aziende e sindacati per limitare il rischio di contagio per i dipendenti dei negozi, ma secondo alcuni potrebbe avere l’effetto di creare maggior code e quindi maggior rischi di contagio per i clienti. Viene però decisa anche la chiusura di esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, all’interno delle stazioni ferroviarie e delle aree di servizio e rifornimento carburante, «con esclusione di quelli situati lungo le autostrade». Restano aperti negli ospedali e negli aeroporti.

Si parla poi nell’ordinanza degli spostamenti verso le seconde case, finora consentiti: «Nei giorni festivi e prefestivi, nonché in quegli altri che immediatamente precedono o seguono tali giorni, è vietato ogni spostamento verso abitazioni diverse da quella principale, comprese le seconde case utilizzate per vacanza».

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi