ItaliaPickNews

Coronavirus, dal 4 maggio ipotesi di autocertificazione solo per i viaggi fuori regione

Cominciano ad allentarsi le misure di lockdown e il modulo non sarà più obbligatorio per spostarsi da comune a comune

C’è grande attesa in Italia per la fine del lockdown imposto dal governo per contenere i contagi da coronavirus. Dopo quasi due mesi chiusi in casa, dal 4 maggio i cittadini sono pronti a ricominciare, anche se in modo graduale. Finora gli spostamenti erano consentiti soltanto per motivi di necessità e urgenza, giustificati tramite un’autocertificazione da consegnare alle forze dell’ordine in caso di controllo. Questo modulo servirà anche dopo il 4 maggio? La decisione definitiva non è stata ancora presa. Il modulo dell’autocertificazione dovrebbe essere utilizzato solo per giustificare gli spostamenti da regione a regione.

È questa l’ipotesi allo studio del governo in vista della “fase 2”. Dal 10 marzo, data del primo modello, al 26 marzo sono stati fatti 4 aggiornamenti, l’ultimo dei quali comprendeva anche l’indicazione delle regioni di partenza e di arrivo. Proprio i viaggi fuori dai confini regionali potrebbero essere soggetti ancora a limitazioni e, dunque, a giustificazioni valide (lavoro, salute o necessità). Mentre per gli spostamenti da un comune all’altro all’interno della propria regione potrebbe non essere più obbligatoria.

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi