Coronavirus, come ha fatto la Nuova Zelanda a fermare il contagio

Nel Paese ci sono stati solo 19 morti e meno di 1500 casi di contagio. Adesso il governo pensa ad un allentamento delle misure

Tra i Paesi che meglio al mondo hanno saputo gestire l’emergenza coronavirus c’è sicuramente la Nuova Zelanda. Un solo nuovo caso positivo ieri, meno di dieci al giorno per settimane. Nel Paese i contagiati sono stati 1469 e i morti si sono fermati a 19. Tanto da aver spinto la premier Jacinta Arden una dichiarazione roboante: «Abbiamo vinto la battaglia contro il Covid-19», invitando comunque i cittadini a rimanere «vigili se vogliamo che continui ad essere così».

Da domani riprenderanno alcune attività economiche non essenziali, servizi sanitari e scolastici. Ma il livello d’allerta rimarrà alto. «Riapriamo l’economia ma non la vita sociale delle persone — ha detto Ardern —. Lo so che tutti i cittadini vogliono tornare alla vita normale ma dobbiamo procedere con prudenza, non possiamo rischiare di perdere quello che abbiamo guadagnato, se dobbiamo rimanere a livello tre ci resteremo». Se tutto andrà bene, già dall’11 maggio saranno allentate altre restrizioni.

Accanto a una comunicazione diretta, semplice e lineare, anche la Nuova Zelanda ha adottato la misura del lockdown. Fin da subito (inizio febbraio) Ardern ha bloccato i viaggiatori cinesi. A metà marzo è seguita la chiusura delle frontiere a tutti i non residenti, unita a quarantene lungo i confini, tamponi a tappeto e tracciabilità dei contatti. Il 23 marzo quando la pandemia era ancora in una fase iniziale e gli infetti erano solo 100 ha imposto un mese di lockdown totale, poi prolungato di una settimana. Una strategia che si è rivelata vincente perché la curva dei contagi si è avvicinata allo zero in sole due settimane.

Certo il fatto che la Nuova Zelanda sia composta da due isole e abbia meno di cinque milioni di abitanti ha certamente contribuito a rendere l’isolamento nazionale particolarmente efficace. Un grande successo per Jacinda Ardern che ha anche deciso di ridursi lo stipendio da 470mila dollari neozelandesi (260mila dollari l’anno) del 20% per i prossimi sei mesi. Lo stesso hanno fatto gli altri ministri.

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi