ItaliaPrimo Piano

Coronavirus, in Lombardia contagi già a gennaio: 1.200 positivi prima del «paziente 1»

È quanto emerge da uno studio condotto dalla task-force sanitaria della Regione su quella che è stata definita la "Fase 0" del contagio in Italia, quando i sintomi del Covid-19 venivano scambiati per quelli dell'influenza

Il coronavirus circolava a Milano già il 26 gennaio. Quasi un mese prima della scoperta del primo caso «positivo» (21 febbraio), il 38enne Mattia a Codogno, almeno 160 persone avevano già contratto il Covid-19 tra Milano e provincia e circa 1200 in tutta la Lombardia. È quanto emerge da uno studio condotto dalla task-force sanitaria della Regione su quella che è stata definita la “Fase 0” del contagio in Italia, ovvero quel periodo “oscuro” in cui la catena di trasmissione del virus si era già innescata, confondendo all’inizio i suoi sintomi quelli dell’influenza stagionale.

Secondo l’analisi della task-force, riportata da Il Corriere della Sera, il 26 gennaio, ribattezzato come “Giorno 0” c’erano già 46 casi di Covid-19 a Milano, e in tutta Lombardia se ne contavano 543. Ma a far scattare l’allarme, e quindi i tamponi, è stato il “paziente 1” di Codogno,e da quel 21 febbario la curva dei casi registrati nella sola Lombardia inizia a salire rapidamente fino ai 74.348 infettati, registrati il 28 aprile.

In base alle analisi successive della storia della malattia, tra tamponi e sintomi, indicazioni dei malati e dei medici, oggi gli esperti sono riusciti a tracciare il trend dell’epidemia nella regione, a raccontare l’andamento della malattia in quel mese in cui il virus era ancora sconosciuto e soprattutto lontano, confinato nel capoluogo di una provincia cinese. In quel periodo, tutti gli sforzi del sistema antivirus italiano erano concentrati sulle frontiere aeree, e dunque soprattutto su Malpensa e Fiumicino. Un arco di quasi quattro settimane in cui si guardava fuori dalle mura e controllavano le porte d’accesso, mentre il nemico era già entrato in città: 46 milanesi, secondo le autorità sanitarie, hanno iniziato a manifestare la malattia che hanno poi trasmesso velocemente ad altri. L’analisi dice che in nove accusano i sintomi il 12 febbraio, in 13 il 15, in 10 il 18, in 35 il 20 febbraio (il giorno prima del paziente di Codogno).

LEGGI ANCHE: Coronavirus, quando non si avranno nuovi contagi? Umbria prima. Lombardia ultima

Oggi che anche la Lombardia si prepara al primo allentamento del lockdown, la situazione dei contagi è più simile a quella di gennaio e capire come l’epidemia si sia mossa può dare informazioni più precise a chi dovrà oggi individuare più rapidamente i positivi e isolarli. Per quasi un mese, in virus ha girato indisturbato per la Lombardia senza che nessuno ne avesse idea: ripercorrendo le “tappe” del Covid-19 ci si rende conto di come per molto tempo il Covid-19 sia stato visto come una minaccia in arrivo dall’esterno mentre invece già circolava in tutta la Lombardia (esclusa la provincia di Sondrio). Le prime “polmoniti anomale” sono state infatti accertate a Wuhan, in Cina, il 31 dicembre, poi il 7 gennaio le autorità cinesi confermarono di aver identificato un nuovo ceppo di coronavirus: il 10 gennaio l’Oms diffonde la notizia della pandemia ma rassicura sulla necessità di evitare allarmismi anche se il 22 gennaio la Cina è costretta a mettere in quarantena tutta la provincia dell’Hubei. Il 29 gennaio vengono infine ricoverati allo Spallanzani di Roma i primi due turisti cinesi risultati positivi e all’indomani il governo blocca i voli dalla Cina, ignaro del fatto che il virus era già in Italia.

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi