ItaliaPrimo Piano

Bar e ristoranti: ecco le regole per la riapertura

Mentre le regioni continuano a chiedere una riapertura anticipata, per molti gestori si prospetta un paradosso: dover chiudere poco dopo il via libera del governo alla fase 2

Tavoli distanziati per muoversi in almeno 4 metri quadri e garantire la distanza dagli altri clienti. Pannelli in plexiglass e tavolini all’aperto. È la soluzione che potrebbe essere adottata per riaprire bar e ristoranti dal 18 maggio, data decisa dal governo per frenare le proteste dei governatori. Ma è una scelta che secondo i gestori rischia di far chiudere il 60% dei locali.

LEGGI ANCHE: Fase 2, il Tar blocca la riapertura di bar e ristoranti in Calabria

Manca ancora il “nero su bianco” ma, come anticipa anche il Sole 24 Ore, le linee guida Inail per la fase 2 sono praticamente già pronte. Per la riapertura di ristoranti, bar e pizzerie si dovranno garantire essenzialmente tre criteri: quello della “prossimità”, ovvero le distanze da rispettare; il livello di “esposizione” al contagio che dovrà essere ridotto al minimo, scoraggiando la stanzialità; e il principio di “aggregazione” che va scongiurato in particolare nella fase di ingresso e di uscita dal locale.

La distanza tra avventori potrebbe arrivare a 2 metri e questo vuol dire che tra i tavoli si sale almeno a 4. Uno scenario di questo tipo, tuttavia, costringerebbe i gestori a diminuire notevolmente i coperti disponibili all’interno dei loro locali. Si realizzerebbe quindi un paradosso, per cui molti ristoratori rischierebbero di dover chiudere poco dopo la riapertura, in quanto i costi supererebbero di gran lunga i guadagni con una una capacità così ridotta di ospitare clienti. Quando si sta seduti non ci sono obblighi sulle protezioni, ma per andare al bagno o alla cassa sarà obbligatorio anche per i clienti indossare la mascherina. All’ingresso e alle casse sarà obbligatorio il dispenser del disinfettate, i locali dovranno essere sanificati e ventilati, per impedire le file potrebbe diventare obbligatoria la prenotazione.

Per chi va al bar e rimane al bancone la distanza minima potrebbe essere di un metro e 20 centimetri dalle altre persone. Gli ingressi dovranno comunque essere contingentati e il personale dovrà indossare guanti e mascherina. In ogni caso non si potrà sostare davanti ai locali.

Le linee guida punteranno su una deroga comunale all’utilizzo degli spazi aperti e i parcheggi dove collocare i tavolini dei locali, per garantire un distanziamento di almeno due metri tra un tavolino e l’altro. Solo qualora queste misure non potessero essere assicurate, scatterebbe l’obbligo di utilizzare distanziatori in plexiglas sui tavolini, cui sarebbero esonerati solo gli avventori appartenenti a uno stesso nucleo famigliare.

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi