Mondo

Vaccino, dagli Usa i primi risultati positivi dei test: «Sviluppati anticorpi»

Un'azienda farmaceutica statunitense ha annunciato di aver rilevato una risposta immunitaria simile a quella dei pazienti guariti da Covid-19. Ma saranno necessarie ancora diverse fasi per definirne l’efficacia e la sicurezza

L’azienda farmaceutica statunitense Moderna ha annunciato di avere ottenuto un primo importante risultato con il suo vaccino sperimentale contro il coronavirus. Nella Fase 1 dei test clinici su esseri umani, sembra che il vaccino sia riuscito a produrre una risposta immunitaria del tutto simile a quella dei pazienti che sono guariti dal Covid-19. Il risultato è importante, ma saranno necessarie ancora diverse fasi di test per definire efficace e sicuro il vaccino.

I livelli di anticorpi rilevati nelle prime otto persone sottoposte ai test clinici con l’mRNA-1273, spiega la società Moderna del Massachusetts, sono uguali o superiori a quelli riscontrati nei pazienti guariti dal Covid-19. Inoltre il potenziale vaccino avrebbe finora dimostrato di essere «sicuro e ben tollerato», non presentando gravi effetti collaterali. Moderna lavora con l’Istituto nazionale delle allergie delle malattie infettive guidato dal virologo Anthony Fauci, consigliere della Casa Bianca, e uno dei più grandi esperti mondiali di virus ed epidemie.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, il vaccino non sarà per tutti: priorità agli Stati Uniti

I ricercatori di Moderna hanno identificato una sezione della sequenza genetica del coronavirus promettente per indurre una reazione immunitaria nell’organismo che la riceve, senza che però si sviluppino i sintomi della malattia. Nella fase 1 il vaccino è stato somministrato con due dosi a 45 persone suddivise in tre gruppi, e Moderna ha fornito indicazioni su otto di loro. Sia nel caso della somministrazione di una quantità pari a 25 microgrammi sia in quella pari a 100 microgrammi, si è assistito alla produzione degli anticorpi che in condizioni normali il nostro sistema immunitario produce contro il coronavirus. Per ora i dati disponibili sono limitati e riguardano un gruppo di persone estremamente ridotto, ma il fatto che si siano prodotti anticorpi neutralizzanti specifici per l’attuale coronavirus è ritenuto un passo avanti importante.

Sulla base dei dati riscontrati, Moderna ha deciso di aggiungere un ulteriore gruppo nella fase 2 per sperimentare la somministrazione di 50 microgrammi di vaccino, in modo da valutare gli effetti con il doppio della dose che ha dato comunque risultati promettenti. Moderna non è comunque l’unica azienda al lavoro per produrre un vaccino contro il coronavirus. Da qualche mese ci lavorano diverse altre società farmaceutiche sia negli Stati Uniti che nel resto del mondo.

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi