ItaliaPickNews

Coronavirus, sale il rischio contagio: Rt nazionale medio sopra 1

Lieve aumento dei casi in Italia, legato soprattutto a casi di importazione internazionale. Sei regioni sono oltre la soglia

Rischio contagio da coronavirus in aumento, legato soprattutto a casi di importazione internazionale. Per la prima volta dopo il lockdown l’indice Rt nazionale supera l’1 e si attesta a 1,01. Naturalmente è solo una media, perché esaminando i dati si nota che sono solo sei le regioni che superano l’1. Il dato più elevato in Veneto con 1,61. Il dato più basso si registra in Basilicata, con un Rt a 0,02. Lo rileva il monitoraggio settimanale del ministero della Salute e Iss relativo al periodo 6-12 luglio.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, cosa prevede il decreto sul monitoraggio dei rischi nella fase 2

Complessivamente, comunque, il quadro generale della trasmissione e dell’impatto dell’infezione da SARS-CoV-2 in Italia rimane «a bassa criticità». «Il numero dei casi rispetto alla scorsa settimana è più o meno stabile – afferma Gianni Rezza, capo dipartimento Prevenzione del ministero della Salute – L’indice Rt è 1,01, con intervalli di confidenza che vanno da poco sopra a poco sotto l’unità. Questo è dovuto alla presenza di focolai di dimensioni più o meno rilevanti, spesso dovuti a casi importati dall’estero: ne consegue – sottolinea Rezza – la necessità di continuare con comportamenti ispirati alla prudenza. La sanità pubblica deve intervenire prontamente per intercettarli e contenerli rapidamente».

L’indice Rt, che misura il tasso di contagiosità dopo l’applicazione delle misure decise per contenere la malattia, ha superato il livello di guardia (che è 1) in 6 regioni: Veneto (1,61), Lazio (1,23), Lombardia (1,14), Piemonte (1,06), Toscana (1,24) ed Emilia Romagna (1,06).

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi