Politica

Chi è Monica Cirinnà, paladina delle unioni civili autocandidata a sindaco di Roma

La senatrice del Pd ha annunciato che parteciperà alle eventuali primarie del centrosinistra e potrebbe contare su un sostegno trasversale: da Leu a Italia Viva, dai gruppi ambientalisti al movimento lgbt

La senatrice del Partito Democratico Monica Cirinnà in un’intervista a Repubblica ha annunciato di volersi candidare alle primarie del centrosinistra per scegliere il candidato sindaco di Roma, «se ci saranno». Cirinnà ha spiegato di averlo annunciato ora a causa dell’immobilismo del suo partito: «Stanno tutti fermi, dicono fino alle regionali, ma poi verranno i giorni per attutire i colpi e i contraccolpi, poi quelli della riflessione, infine chissà che altro».

Al suo nome è legata la legge, cosiddetta “legge Cirinnà”, che ha regolamentato le unioni civili tra persone dello stesso sesso. Grazie a quella norma, approvata ormai quattro anni fa, le coppie omosessuali hanno la possibilità di usufruire di un nuovo istituto giuridico di diritto pubblico. Ma Monica Cirinnà, senatrice dal 2013, è stata anche prima firmataria di un progetto di legge sul fine vita, un ddl che parla dell’aiuto medico e della tutela della dignità nella fase finale della vita. E che punta ad inserire le nuove norme nella legge per il testamento biologico.

Romana, 57 anni, laureata in giurisprudenza, prima di essere eletta al Senato è stata consigliera comunale a Roma con i Verdi e poi con il Partito Democratico. E oggi spiega di «voler mettere al servizio di Roma 20 anni trascorsi in consiglio comunale e 7 in Senato». La senatrice ha intenzione di partecipare alle primarie dem per scegliere chi correrà per il posto che oggi è di Virginia Raggi. Primarie che, però, ancora non si sa quando si svolgeranno. «A Roma il Pd aspetta un big che non arriva», dice a Repubblica. «Trovo pericolosa – afferma – la spasmodica caccia fatta nelle segrete stanze al candidato magico perché se poi non lo trovi e devi fare le Primarie, vuol dire che quelli che si cimentano sono brocchi».

Per una campagna elettorale ha già in mentre tre temi: manutenzione e rigenerazione; lavoro e sviluppo, visione e futuro. Questi ultimi, sostiene, «mortificati dal M5S che ha spento Roma, cancellandola da tutti gli eventi internazionali. A cominciare dalle Olimpiadi».

L’autocandidatura della Cirinnà potrebbe contare su un sostegno trasversale: da Leu a Italia Viva, dai movimenti ambientalisti a quelli dei diritti civili, con in prima fila il mondo lgbt. La linea del Pd, però ,è già definita: di Roma 2021, ha chiarito il segretario Nicola Zingaretti, si parlerà dopo le Regionali.

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi