ItaliaPrimo Piano

Dal Lazio alla Sicilia: dove è obbligatoria la mascherina all’aperto

Il timore di nuovi contagi spinge governatori e sindaci ad alzare la guardia. Ma ci si muove in ordine sparso. L’ultimo è Zingaretti che introduce l’obbligo a partire da domani

Da domani, 3 ottobre, torna l’obbligo di mascherina all’aperto anche nel Lazio. Lo prevede un’ordinanza della regione firmata dal presidente Nicola Zingaretti. «Da domani sarà obbligatorio l’uso della mascherina anche all’aperto nella regione Lazio», ha detto Zingaretti. Obbligo che, ha spiegato, «esclude i bambini al di sotto dei 6 anni, i portatori di patologie incompatibili con l’uso della mascherina e chi svolge attività sportive».

In un’Italia caratterizzata dalla crescita dei contagi da coronavirus cresce il fronte dei governatori e dei sindaci che hanno deciso di inasprire le misure di sicurezza. Dopo la Campania, che dal 24 settembre ha fatto scattare «l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto durante l’intero arco della giornata, a prescindere dalla distanza interpersonale», anche altre regioni hanno adottato misure simili.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, verso la proroga dello stato di emergenza: gli effetti su smart working, tamponi e mascherine

In Calabria la presidente della Regione Jole Santelli ha firmato il 25 settembre una nuova ordinanza che «per la prevenzione e la gestione dell’emergenza Covid-19» istituisce l’obbligo di utilizzo della mascherina anche all’aperto per tutti i cittadini, esclusi i bambini al di sotto dei 6 anni e le persone con disabilità non compatibile con l’uso del dispositivo di protezione. L’ordinanza è valida sino al 7 ottobre.

Uso obbligatorio delle mascherine fuori casa se si è tra estranei anche in Sicilia. Il provvedimento si è reso necessaria visto il costante aumento del numero dei casi di Covid-19 nell’Isola. L’uso della mascherina è obbligatorio per tutti i cittadini al di sopra dei 6 anni. Si è dispensati solo quando ci si trova tra congiunti o conviventi. Sono esclusi dall’obbligo di utilizzo in modo continuativo coloro che svolgono attività motoria intensa, a condizione che il distanziamento interpersonale possa essere mantenuto, salvo l’obbligo di utilizzo alla fine dell’attività. L’ordinanza del presidente Nello Musumeci è entrato in vigore il 30 settembre e avrà efficacia fino al 30 ottobre.

In Lombardia resta fino al 15 ottobre l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto quando non è garantito il distanziamento sociale.

Poi c’è il campionario delle ordinanze nelle singole città. Una ordinanza del sindaco di Genova Marco Bucci obbliga a indossare la mascherina h 24 nel centro storico dopo la scoperta di un focolai. Obbligo di mascherina all’aperto, ma solo nel week-end, in centro a Bologna. L’ordinanza del sindaco Virgionio Merola entra in vigore da oggi alle 18 a domenica alle 24.

A Foggia, per esempio, l’obbligo delle mascherine vale «solo» davanti agli edifici scolastici. È stata anche disposta la chiusura dei centri commerciali la domenica e nei giorni festivi. A La Spezia, dove si è verificato un focolaio pericoloso, da metà settembre non si può fare a meno del dispositivo di sicurezza in tutta la provincia. Il Comune di Latina ha imposto l’obbligatorietà della mascherina h24 sia nei luoghi chiusi sia all’esterno, senza alcune distinzione, fino al 15 ottobre

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi