ItaliaPrimo Piano

Decreto sicurezza, arriva la “norma Willy”: daspo e pene più severe per i violenti

I ministri Bonafede e Lamorgese stanno lavorando ad una norma che prevede pene da 6 mesi a 6 anni per chi partecipa ad una rissa. La decisione dopo il brutale omicidio del giovane a Colleferro

Un inasprimento delle pene per il reato di rissa e il daspo dai locali pubblici e di intrattenimento per chi sia stato denunciato o condannato per atti di violenza fuori da un locale. Ci stanno lavorando il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede e il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, che si preparano ad introdurre la norma nel decreto sicurezza.

È già stata ribattezzata “norma Willy”, perché arriva dopo l’uccisione di Willy Duarte, il giovane ammazzato brutalmente fuori da una discoteca a Colleferro, e aumenta le pene per chi ha partecipato a una rissa, facendo salire la multa da 309 a 2000 euro e la reclusione – se qualcuno resta ferito o ucciso nella rissa – da un minimo di sei mesi a un massimo di sei anni (ora va da tre mesi a cinque anni). Per i protagonisti di disordini o di atti di violenza il questore può disporre il daspo da specifici locali o esercizi pubblici: se violato c’è la reclusione fino a due anni e una multa fino a 20.000 euro.

Nella notte tra sabato 5 e domenica 6 settembre, a seguito di una rissa, il giovane Willy, ha perso la vita dopo essere stato preso violentemente a calci e a pugni. Tutto è accaduto perché in una pizzeria di Colleferro c’erano stati screzi tra alcuni ragazzi: più tardi, fuori dal locale, la lite è degenerata in rissa, Willy si è intromesso per placare gli animi ed è stato aggredito fino alla morte.

«Come avvocato non credo che legiferare in emergenza sia la cosa più saggia», è il commento riportato da Ansa di Domenico Marzi, legale della famiglia del ragazzo ucciso. «Già adesso ci sono norme severe ma bisogna far sì che le pene siano espiate e abbiano funzione educativa. Questo è anche il pensiero della famiglia di Willy, che vuole una pena certa e giustizia. Inoltre in certi luoghi occorrerebbe una maggiore vigilanza».

Nell’ultima bozza del decreto, atteso domani in Cdm, si inasprisce inoltre il daspo nei confronti degli spacciatori: il questore potrà interdire l’accesso a specifici locali a chiunque sia stato denunciato o condannato per spaccio davanti a scuole o locali. Un’altra norma, infine, mira contrastare il traffico di droghe via web, con la creazione di un elenco di siti usati per lo spaccio cui deve essere inibito l’accesso.

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi