MondoPrimo Piano

Recovery Fund, Parlamento Ue blocca i negoziati sui finanziamenti europei per l’emergenza Covid

È scontro tra Germania, che detiene la presidenza Ue, e il Parlamento: al centro la rottura delle trattative sul bilancio dell’Unione con conseguenze dirette sull’erogazione degli aiuti agli Stati

«Normali schermaglie negoziali». Così il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri ha liquidato lo stop imposto dal Parlamento Europeo alle trattative per il Recovery Fund. Gli Stati membri guidati dalla presidenza di turno tedesca e il Parlamento Ue non riescono a trovare una quadra sul bilancio Ue per il periodo 2021-2017. Un ritardo nell’accordo sul budget porta a un ritardo nell’entrata in funzione del pacchetto di aiuti per la ripresa. Il terreno di scontro è su due punti: l’aumento degli stanziamenti su 15 capitoli di spesa e il vincolo della conservazione dello stato di diritto per la possibilità di accedere ai fondi europei.

LEGGI ANCHE: Recovery Fund, lo scontro sullo Stato di diritto rischia di allungare i tempi

Il portavoce del Parlamento Ue Jaume Duch ha spiegato: «I colloqui sul bilancio Ue sono interrotti. Senza una valida proposta da parte della presidenza tedesca dell’Ue per aumentare i massimali è impossibile andare avanti». Opposta, ovviamente la posizione della delegazione tedesca che fino al prossimo 31 dicembre avrà in mano la presidenza del Consiglio dell’Unione europea: «Deplorevole che il Parlamento abbia perso l’occasione di portare avanti i negoziati sul bilancio Ue per il 2021-2027».

Al Consiglio europeo del 21 luglio scorso gli Stati Ue hanno raggiunto un accordo molto sofferto sul Recovery Fund e sul prossimo bilancio dell’Unione stabilendo che sarebbe stato pari a 1.074,3 miliardi. L’equilibrio trovato per soddisfare le richieste dei diversi governi (i cosiddetti «Frugali» che vogliono ridurre gli esborsi, il gruppo di Visegrád che vuole un rapporto blando tra il rispetto dello Stato di diritto e l’erogazione dei fondi) ha portato al taglio delle risorse destinate ad alcuni programmi faro ritenuti fondamentali dal Parlamento Ue, come l’Erasmus, il sostegno alla ricerca, alla politica di vicinato e per l’asilo.

Ma adesso il Parlamento chiede maggiori fondi per 15 capitoli di spesa e il rafforzamento del legame tra rispetto delle regole dello stato di diritto ed erogazione dei fondi europei, un tema che tocca direttamente Polonia e Ungheria, Paesi sotto osservazione per le norme con cui, secondo la Commissione, sono stati messi in discussioni alcuni principi democratici fondamentali. Il prossimo round di colloqui trilaterali tra il Consiglio, il Parlamento e la Commissione Ue è programmato per mercoledì 14 ottobre. Un giorno prima del vertice decisivo tra i capi di Stato.

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi