ItaliaPoliticaPrimo Piano

Campania e Toscana diventano zona rossa

Secondo quanto emerso dalla Cabina di regia anche Marche, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia passano in zona arancione. Solo cinque regioni restano a basso rischio

Campania e Toscana in zona rossa, mentre le regioni in zona arancione salgono a nove con l’aggiunta di Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia e Marche. Confermate le indiscrezioni che arrivano dalla cabina di Regia di cui fanno parte il ministero della Salute, l’Istituto superiore di sanità e le Regioni: in base al nuovo monitoraggio del virus e ai 21 parametri epidemiologici fissati dagli esperti, aumentano i territori considerati a rischio elevato e a rischio massimo. I dati sono al vaglio del Cts, poi il ministro Speranza firmerà l’ordinanza che entrerà in vigore a partire da domenica 15 novembre. In pratica, con 16 regioni rosse o arancioni, resteranno gialle solo Lazio, Molise, Provincia di Trento, Sardegna e Veneto.

Nonostante le restrizioni aumentano nella maggior parte delle regioni italiane, l’ultimo report dell’Istituto superiore di sanità e del ministero Salute segnala che l’epidemia in Italia «seppur intensificandosi per gravità a causa di un aumentato impatto sui servizi assistenziali, mostra una lieve riduzione nella trasmissibilità rispetto alla settimana precedente». Scende infatti il valore Rt (indice di contagio) a livello nazionale: «Nel periodo 22-4 novembre l’Rt calcolato sui casi sintomatici è pari a 1.43», la scorsa settimana era a 1.72. Secondo gli esperti, questo «potrebbe costituire un segnale precoce di impatto delle misure di mitigazione introdotte a livello nazionale e regionale dal 25 ottobre 2020».

Il report guarda ai dati regionali della settimana dal 2 all’8 novembre, con aggiornamenti all’11 novembre: «Nella maggior parte del territorio la trasmissibilità è compatibile con uno scenario di tipo 3 – prosegue il report – Si conferma pertanto una situazione complessivamente e diffusamente molto grave sul territorio nazionale». Significa che di fatto su tutto il territorio nazionale si configura «un rischio elevato di epidemia non controllata e non gestibile». Inoltre, «sono 12 le Regioni che hanno superato almeno una soglia critica in area medica o terapia intensiva. Nel caso si mantenga l’attuale trasmissibilità, quasi tutte le Regioni e province autonome hanno una probabilità maggiore del 50% di superare almeno una di queste soglie entro il prossimo mese».

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi