Mondo

Vaccino Moderna, l’Unione europea prenota 160 milioni di dosi

La Commissione Ue ha chiuso anche il contratto Curevac, il quinto dopo quelli con Pfizer-Biontech, AstraZeneca, Sanofi-GSK, e Janssen Pharmaceutica. A cui si aggiungerà quello con la casa farmaceutica Usa

Come già avvenuto per gli altri candidai, la Commissione europea ha avviato gli accordi con Moderna, la casa farmaceutica che ha appena annunciato che che il suo vaccino ha una efficacia del 94,5%. La trattativa riguarda «la fornitura di 160 milioni di dosi ma ora continuiamo con le negoziazioni e dobbiamo vedere come tradurre questa intenzione in contratto» ha dichiarato il portavoce della Commissione europea, Stefan De Keersmaecker.

Moderna ha completato le sperimentazioni sull’uomo. Entro fine anno è pronta a consegnare 20 milioni di dosi negli Stati Uniti. Nel 2021 ne arriveranno fra 500 milioni e un miliardo anche nel resto del mondo. Potranno essere trasportate a temperature di frigo: 2-8 gradi. Il prezzo del vaccino, 25 dollari secondo notizie di stampa, includerà probabilmente anche una quota di profitto. Le altre aziende finora hanno annunciato che lo venderanno a prezzo di costo, almeno fino a quando permarrà la dichiarazione di pandemia.

Bruxelles, la settimana scorsa, aveva dato il via libera all’acquisto fino a 300 milioni di dosi del vaccino Pfizer-BioNtech. Il vaccino, qualsiasi sia il candidato, dovrà superare tutte le fasi della procedura di autorizzazione dell’Agenzia europea del farmaco (Ema) prima dell’utilizzo. «La sicurezza per noi è fondamentale, e non c’è motivo per essere scettici – aveva spiegato la commissari per la salute e la sicurezza Stella Kyriakides -.I tempi sono rapidi perché sono stati fatti moltissimi investimenti e sono state sfruttate al massimo tutte le tecnologie. Le verifiche saranno rigorose».

La Commissione Europea ha approvato oggi il quinto contratto con l’azienda farmaceutica europea CureVac che prevede l’acquisto iniziale di 225 milioni di dosi per conto di tutti gli Stati membri dell’Ue, più un’opzione per richiedere fino a ulteriori 180 milioni di dosi, da fornire una volta che il vaccino ha dimostrato di essere sicuro ed efficace contro il Covid-19. I 27 Stati avranno tutti accesso immediato alla prima tranche di dosi e ne riceveranno in base alla popolazione. D’altra parte il contratto Curevac è il quinto che Bruxelles chiude, dopo quelli con Pfizer-Biontech, AstraZeneca, Sanofi-GSK, e Janssen Pharmaceutica. A cui si aggiungerà Moderna.

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi