Mondo

Perché Amazon ha deciso di vendere i farmaci

L’obiettivo di Bezos è puntare tutto sul cambio di abitudini di acquisto avvenuto durante la pandemia. Il servizio di consegna a domicilio di medicinali partirà dagli Stati Uniti

La pandemia da Covid-19 non ferma Amazon, anzi ne accelera la sua crescita economica. Il colosso dell’e-commerce inaugura, per ora solo negli Stati Uniti, “Amazon Pharmacy“, il nuovo portale che metterà in vendita farmaci per cui è necessaria la prescrizione medica. L’obiettivo, ha spiegato Amazon in una nota, è quello di consentire agli utenti di Internet di ottenere farmaci «con la stessa facilità di qualsiasi altro acquisto sul sito Amazon» e di evitare che facciano la fila nelle farmacie.

Un’operazione che vale miliardi di dollari e che di fatto rivoluziona, ancora una volta, l’azienda. Il primo terreno che verrà sondato con questa nuova strategia è quello statunitense: Amazon Pharmacy offrirà sconti fino all’80% sui farmaci generici acquistati dagli abbonati Prime senza assicurazione sanitaria. I costi irrisori potrebbero essere la chiave di volta per attirare una larga fetta degli utenti che magari non avrebbe mai osato comprare medicinali online.

LEGGI ANCHE: Amazon, i robot sostituiscono gli umani nella preparazione dei pacchi

Il lancio di Amazon Pharmacy fa parte di un progetto iniziato ormai due anni fa, quando Jeff Bezos decise di comprare per poco meno di 1 milione di dollari la piccola farmacia online PillPack, che fornisce prodotti per pazienti con malattie croniche. L’azienda offre ora una nuova pagina sul proprio sito dedicata alla farmacia, consentendo agli utenti di comprare online tutti i tipi di farmaci. Il servizio sarà attivo per tutti i clienti di di età superiore ai 18 anni, i quali avranno accesso al servizio di farmacia, a partire da questa settimana, in 45 stati americani, a esclusione – solo momentanea – di Hawaii, Illinois, Kentucky, Louisiana e Minnesota.

Bezos sta puntando tutto sulle abitudini che sono cambiate con la pandemia da coronavirus. La sedentarietà, l’uso smodato dello shopping su Internet, dovrebbero aiutare a far fruttare anche questo settore di Amazon che si augura che le persone superino il concetto di farmacia su strada. «Siamo consapevoli dell’importanza di medicinali a prezzi convenienti e riteniamo che gli abbonati Prime vedranno un notevole vantaggio», dice Jamil Ghani, vice presidente di Amazon Prime. La farmacia online «è un’importante e necessaria aggiunta alla piattaforma», aggiunge Doug Herrington, vicepresidente della divisione consumatori in Nord America di Amazon.

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi