ItaliaPrimo Piano

L’Italia torna arancione: ecco cosa si può fare e cosa è vietato

Lunedì 28, martedì 29, mercoledì 30 dicembre e lunedì 4 gennaio il Paese cambia colore e regole. I negozi sono aperti, mentre sono sospese le attività di bar e ristoranti. Ecco gli spostamenti consentiti

Tutta l’Italia cambia colore: si passa in zona arancione nei giorni 28, 29, 30 dicembre 2020 e 4 gennaio 2021, secondo quanto stabilito dal decreto di Natale del 3 dicembre. I divieti in vigore verranno leggermente allentati: verrà infatti concesso muoversi autonomamente all’interno del proprio Comune, tra le 5 e le 22, senza il bisogno di portare con sé l’autocertificazione. Ricordando che, per comprovate esigenze (salute, lavoro, ricongiungimenti di coppie, ricongiungimenti di genitori separati con i figli), ci si può sempre muovere lungo la penisola, e che tornare a casa (domicilio, residenza) è sempre consentito, ecco le regole per spostarsi valide per tutte le regioni.

LEGGI ANCHE: Conte sul Dpcm di Natale: «Decisione di chiudere sofferta, subito misure di ristoro»

Ci si può spostare tra comuni solo per due ragioni ulteriori rispetto alle comprovate esigenze e il rientro a casa: andare a visitare un parente o un amico, recandosi presso un’abitazione privata, all’interno della Regione, una sola volta al giorno, con l’autocertificazione, e al massimo in due (i minori di 14 anni e le persone disabili o non autosufficienti conviventi non rientrano nel computo); e ci si può spostare anche fuori dai comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti, percorrendo una distanza non superiore a 30 chilometri e senza recarsi nel capoluogo di provincia.

Il rientro a casa è sempre consentito. Anche se in tutto il periodo delle festività, dal 21 dicembre al 6 gennaio 2021, è vietato ogni spostamento in entrata e uscita tra i territori di diverse regioni o province autonome, il rientro alla propria abitazione, residenza o domicilio è sempre consentito. È vietato invece andare nelle seconde case ubicate in altra Regione o Provincia autonoma. Si può andare in chiesa, dalle 5 alle 22, e assistere alle funzioni religiose, come pure sono consentite le passeggiate e le attività motorie.

Bar, ristoranti, pub, gelaterie, pasticcerie sono aperti ma non è possibile consumare sul posto. Fino alle 22 è possibile ordinare caffè, dolci, stuzzichini o piatti da asporto. E si può ordinare cibo e bibite a domicilio senza limiti di orario. I negozi resteranno aperti con orario prolungato fino alle 21. Nei giorni festivi e prefestivi resteranno invece chiusi i centri commerciali. e attività commerciali al dettaglio si svolgeranno comunque a condizione che sia assicurato, oltre alla distanza interpersonale di almeno un metro, che gli ingressi avvengano in modo dilazionato e che venga impedito di sostare all’interno dei locali più del tempo necessario all’acquisto dei beni.

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi