Mondo

Covid, il 76% dei pazienti ha ancora almeno un sintomo dopo sei mesi

A rivelarlo è uno studio pubblicato su The Lancet e basato su un’indagine che ha coinvolto 1.700 ex ricoverati all’ospedale Jin Yin-tan di Wuhan

Di Covid per fortuna spesso si guarisce. Ma fino a tre quarti dei pazienti continua a soffrire almeno di un sintomo collegato alla malattia a sei mesi dalla guarigione. A rivelarlo è uno studio pubblicato su The Lancet e basato su un’indagine che ha coinvolto 1.700 ex pazienti dell’ospedale Jin Yin-tan di Wuhan, la città cinese epicentro dell’epidemia globale. Nelle maggior parte dei casi (63%) i sintomi più comuni riscontrati a distanza di mesi sono stati stanchezza e dolori muscolari, poi insonnia (26%) e infine ansia e depressione (23%).

Lo studio ha anche scoperto che i pazienti che in ospedale erano gravemente malati hanno avuto maggiori probabilità di avere, a distanza di sei mesi, le funzioni polmonari ancora compromesse e anomalie negli scan del torace indicando, secondo i ricercatori, danni permanenti agli organi respiratori. Per molti pazienti anche i problemi polmonari causati da Covid 19 hanno continuato a presentarsi ben oltre il termine della fase acuta di malattia. Il 56% dei pazienti che ha necessitato di ventilazione meccanica durante il ricovero presentava ancora una riduzione della funzione respiratoria al termine dei sei mesi di follow up, così come il 29% di quelli che avevano richiesto la semplice somministrazione di ossigeno e il 23% di quelli che non avevano avuto bisogno di supporto respiratorio.

LEGGI ANCHE: «Il coronavirus circolava in Italia già dall’estate del 2019»: la ricerca dell’Istituto dei Tumori di Milano

Un ultimo dato interessante che emerge dallo studio cinese è infine quello sulla permanenza di anticorpi neutralizzanti nell’organismo dei pazienti. Parliamo degli anticorpi capaci di impedire la replicazione di Sars-Cov-2, e la cui presenza in alte quantità è sinonimo di immunità a nuove reinfezioni. Un test sulla risposta immunitaria effettuato su 94 pazienti al picco dell’infezione ha inoltre mostrato come dopo sei mesi oltre metà degli anticorpi sviluppati durante la degenza sono diminuiti. Aumentando così la possibilità che si possa essere reinfettati dal virus.

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi