ItaliaPrimo Piano

Più autobus, steward e tamponi: ecco come la Toscana riapre le scuole

La ministra dell’Istruzione a Radio Rai 1: «La dad non può più funzionare. È stato fatto un lavoro enorme, coinvolgendo i prefetti su orari e bus, ed alcune regioni come la Toscana hanno lavorato bene»

Rientro in classe oggi per circa 130 mila studenti delle scuole superiori in Toscana, Abruzzo e Valle D’Aosta. Ma tutti gli altri restano a casa e le proteste degli studenti aumentano. «Capisco i ragazzi: il diritto all’istruzione è essenziale, sarei anch’io arrabbiata», ha detto la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina a Radio Rai 1. «È difficile per gli studenti comprendere perché non rientrano a scuola, capisco le loro frustrazione: la scuola è un diritto costituzionale se a me avessero tolto la scuola non sarei probabilmente qui». La nota dolente, secondo la ministra, è che «nelle regioni a fascia gialla tutto è aperto tranne la scuola superiore».

LEGGI ANCHE: La scuola non riapre in 15 regioni

La ministra Azzolina ha ammesso di essere «molto preoccupata» perché «oggi la dad non può più funzionare, c’è un black out della socialità, i ragazzi sono arrabbiati, disorientati e sono preoccupata per il deflagrare della dispersione scolastica». «Il 23 dicembre – ha ricordato la ministra – è stata stipulata un’intesa all’unanimità con le Regioni che hanno garantito che le superiori sarebbero ripartite con una presenza tra il 50 e il 75%. È stato fatto un lavoro enorme, coinvolgendo i prefetti su orari e bus, ed anche alcune regioni come la Toscana hanno lavorato bene».

La Toscana è la regione più grande ad affrontare il problema organizzativo del rientro in sicurezza del 50% degli studenti delle scuole superiori. Il primo nodo, quello forse più delicato, è stato quello dei trasporti: il governatore Eugenio Giani lo ha affrontato aumentando gli autobus. «Con un finanziamento di 4 milioni di euro, abbiamo messo a disposizione 329 autobus aggiuntivi – spiega Stefano Baccelli, assessore regionale ai trasporti – che sono stati distribuiti in tutte le province e si aggiungono ai 233 già disposti a settembre. Adesso il totale arriva a 2949».

Una decisione importante ma da sola insufficiente per garantire la piena sicurezza. Per questo la regione ha arruolato gli steward. Ne sono stati selezioni a centinaia tra dipendenti di cooperative, guardie giurate e volontari e oltre a convincere i ragazzi a stare distanziati e ad indossare le mascherine, dovranno anche dare informazioni su orari e soprattutto gestire il flusso affinché i bus non siano affollati. Nel piano regionale è prevista la collaborazione anche con vigili urbani e forze dell’ordine. La Regione ha, inoltre, deciso con i dirigenti scolastici orari di entrate e di uscite diversificate secondo le esigenze locali. A Firenze gli ingressi sono scaglionati dalle 8 alle 10.10 e le uscite dalle 12.30 alle 15, ma in altre città potranno essere diversi.

Altro fattore di estrema importanza per il rientro in classe è lo screening. In Toscana sono stati previsti test a tappeto divisi in categorie. La prima riguarda casi sospetti durante le lezioni. In questo caso alunni e studenti saranno sottoposti a tampone immediatamente e se sarà evidenziata la positività inizierà in tempo reale il tracciamento. Se invece l’eventuale positività sarà registrata non a scuola, il tampone dovrà essere effettuato entro un giorno e il risultato dovrà essere comunicato entro sei ore dal prelievo. Continueranno poi gli accertamenti preventivi per scoprire eventuali focolai.

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi