PoliticaPrimo Piano

Ballottaggi 2019: la Lega espugna Ferrara, il Pd riconquista Livorno, il M5S vince a Campobasso

Sono 136 i comuni dove si è svolto il secondo turno di ballottaggio per l’elezione del sindaco. «Vittoria straordinaria», commenta il vicepremier Salvini. Soddisfatto anche il segretario del Pd Zingaretti: «L’alternativa c’è»

Il Partito Democratico per la prima volta nella storia (dopo 69 anni) perde la guida di Ferrara e i ballottaggi confermano una sostanziale crescita del centrodestra che strappa 5 capoluoghi ai dem. «Straordinarie vittorie della Lega ai ballottaggi, abbiamo eletto Sindaci dove governava la sinistra da settant’anni!», ha detto Matteo Salvini. Soddisfatto anche il segretario Pd Nicola Zingaretti: «L’alternativa c’è». Il Pd resiste nella “rossa” Emilia e strappa Livorno al M5s. Ma festeggia anche il Movimento di Luigi Di Maio, vera cenerentola di questa tornata elettorale, che dopo i veleni e i sospetti di inciucio col Pd porta a casa il Comune di Campobasso, soffiandolo all’alleato leghista.

Al voto 136 comuni. L’affluenza è confermata in forte calo rispetto al 26 maggio: ha votato il 52,63% degli aventi diritto, rispetto al 68,37% del primo turno. La Basilicata la regione che ha fatto registrare il dato più alto, 56,7%, l’Abruzzo quella più bassa, 45,72%. A conti fatti, nei 16 comuni capoluogo c’è un sostanziale pareggio con 7 affermazioni del centrosinistra, altrettante del centrodestra, e un nuovo sindaco pentastellato.

Il centrosinistra ha confermato con ampi margini i propri uscenti a Reggio Emilia (Luca Vecchi), Prato (Matteo Biffoni), Cremona (Gianluca Galimberti) e Verbania (Silvia Marchionini). Anche Cesena resta sotto la guida dem, ma con un volto giovane, quello dell’ex deputato Enzo Lattuca. Il successo più importante è quello di Luca Salvetti che permette al Pd di tornare a governare Livorno, dopo cinque anni di amministrazione di Filippo Nogarin (M5s). Simbolica anche la vittoria a Rovigo, al momento il secondo sindaco ‘rosso’ nelle città del Veneto dopo Padova. È la piccola contropartita per aver perso Ferrara, città amministrata dalla sinistra dal dopoguerra ad oggi: Alan Fabbri ha sconfitto con il 56,77% delle preferenze il dem Aldo Modonesi. Ma per Zingaretti restano «belle vittorie e belle conferme». «L’alternativa a Salvini c’è – ha detto – ed è un nuovo centrosinistra. E siamo solo all’inizio».

Una situazione simile a quella di Ferrara, passata alla Lega dopo 69 anni, si è avuta a Forlì dove Gian Luca Zattini sarà il primo sindaco di centrodestra dopo oltre 40 anni, e fuori dai capoluogo, anche a Piombino, città operaia da sempre posizionata a sinistra da 73 anni. Qui il candidato di centrodestra ha ottenuto il 64,2% dei voti e il Pd è stato spazzato via. Può esultare anche Fratelli d’Italia con il successo di Mauro Fioravanti ad Ascoli, mentre l’area di centrodestra ha conquistato Biella e Vercelli. A Potenza è stato eletto per 200 voti Mario Guarente del centrodestra.

Il Movimento Cinque Stelle piazza la bandierina a Campobasso, terzo capoluogo di regione che verrà amministrato dopo Roma e Torino. «Una grande responsabilità. Bisogna ricominciare da qui», sono state le prime parole di Roberto Gravina, il nuovo primo cittadino del capoluogo molisano eletto con circa il 69% delle preferenze. È la contropartita per lo smacco subito ad Avellino, dove i Cinque Stelle avevano vinto appena un anno fa ma non sono riusciti ad arrivare al ballottaggio.

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi