Medicina estetica e Covid-19: i rituali di bellezza fai da te

Dall’esfoliazione ai benefici del sole, dalle maschere a base di acido ialuronico ai rimedi naturali: i consigli della dr.ssa Antonella Gallodoro, specializzata in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica, per fare del ritiro forzato un'occasione per prendersi cura di viso e corpo

Salute sì, ma anche bellezza. L’emergenza coronavirus ha costretto noi italiani a cambiare inevitabilmente le abitudini quotidiane e lo stile di vita. Ci ritroviamo a lavorare o studiare da casa, a limitare le uscite alle necessità, a pensare al bene collettivo. È tempo di non abbattersi, questo. E anche di non trascurarsi. Se l’hashtag #iorestoacasa invita a nuove forme di utilizzo del tempo, è importante approfittarne per riconciliarsi con se stessi e compiere quei piccoli gesti di bellezza e benessere a cui solitamente non si ha nemmeno il tempo di pensare. Con la dr.ssa Antonella Gallodoro, medico chirurgo specializzata in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica, abbiamo parlato dei trattamenti per la cura della persona e dei rituali di bellezza da fare anche tra le mura domestiche. Anche per farci trovare preparati a riprendere i trattamenti di medicina estetica in studio appena sarà possibile.

Antonella Gallodoro
Dr.ssa Antonella Gallodoro, specialista in chirurgia plastica e medicina estetica

Quali consigli di bellezza si sente di dare per affrontare la quarantena?
«Ai tempi del coronavirus cambiano spazi, modi, tempi. E cambia comprensibilmente anche la voglia di prendersi cura di sé, della propria pelle e del proprio corpo. Ma perché non prendere questo periodo di quarantena come un momento di pausa, di riflessione, di pulizie domestiche, di cucina, di studio e, perché no, di benessere? Se non puoi andare dal tuo medico estetico e proseguire i trattamenti, puoi dedicare dei momenti della giornata e trasformare il bagno in una piccola beauty farm o in uno studio di medicina estetica per coccolarti con trattamenti mirati, maschere e massaggi, seguendo il ritmo di un tempo rallentato. Per ritrovare la pace, dentro e fuori, e preparare la pelle del viso ai trattamenti di medicina estetica che potrai riprendere appena sarà possibile».

Quali sono i trattamenti che si possono fare in casa?
«I trattamenti estetici da fare a casa danno ottimi risultati basta dotarsi di un po’ di pazienza e disporre degli strumenti giusti per regalarsi una giornata di relax e bellezza. Molte donne possiedono già dei cosmetici, ma per chi ne è sprovvisto si può sempre ricorrere ai vecchi rimedi “della nonna”. Scrub naturale a base di sale o zucchero, maschera di bellezza, bagno anticellulite: sono tanti rituali fai da te per una “remise en forme” completa».

LEGGI ANCHE: Microfat, nanofat e ultrananofat: le nuove frontiere della chirurgia estetica

Come possiamo prenderci cura della pelle?
«La prima regola è esfoliare. È un procedimento che consente di rimuovere le cellule morte sulla superficie della pelle stimolando e accelerando il tournover cellulare. Ma sappiamo bene che la pelle non è uguale per tutti e quindi, a seconda se è secca, grassa, sensibile con tendenza alla couperose, utilizzeremo il device più adatto. Lo scrub può essere fisico, ovvero saponi al cui interno sono inglobate delle particelle ruvide, o chimico (a base di acido glicolico, mandelico, lattico e salicilico) cioè sostanze che gentilmente dissolvono le impurità. L’esfoliazione può essere fatta da una a due volte la settimana e prepara la pelle ad essere più recettiva ai trattamenti. Il secondo step è l’idratazione. Una volta rimossi i residui dell’esfoliante con l’acqua tiepida è possibile applicare un tonico o dei sieri dalle proprietà calmanti e detossificanti per restituire alla pelle il giusto Ph e il buon funzionamento della barriera protettiva. A questo punto la pelle è pronta per una maschera. Di tendenza sono le maschere in tessuto a base di acido ialuronico o collagene da tenere in posa per 10-15 minuti. Regalano una vera e propria pausa di benessere al viso».

Cosa fare per defaticare lo sguardo dopo pesanti sessioni di studio o smart working e lunghe maratone di serie tv?
«Il contorno occhi è una zona che merita particolare attenzione. Niente scrub, ma per lenire irritazioni, arrossamenti e gonfiori delle palpebre è possibile applicare delle specifiche maschere oculari. In commercio ce ne sono tante a base di acido ialuronico e peptidi ma vanno bene anche due bustine di camomilla: immerse in acqua calda come per fare un infuso, si lasciano raffreddare o si possono mettere in frigo e, una volta fredde, applicarle sulle palpebre e rilassarsi, magari con la propria musica preferita di sottofondo e qualche incenso a profumare l’ambiente».

LEGGI ANCHE: Cellulite, che fare? I trattamenti più efficaci per dire addio alla pelle a “buccia d’arancia”

Quali suggerimenti per non vanificare i risultati ottenuti con i trattamenti corpo di medicina estetica?
«A casa puoi ci si può aiutare contrastando la secchezza cutanea e donando alla pelle morbidezza e luminosità. Un “effetto spa” si può ottenere con un programma in tre fasi: pulizia, scrub e idratazione. Lo scrub è indispensabile per migliorare la qualità della pelle. Si possono usare delle creme esfolianti con estratti di piante e principi attivi vegetali che si applicano sulla pelle umida con un lieve massaggio, sciolgono le cellule morte e ravvivano il colorito, lasciando la pelle morbida e liscia. Si possono usare scrub dotati di minuscole particelle da massaggiare delicatamente sulla pelle umida nelle zone più critiche, gomiti e talloni. Oppure si possono usare delle spazzole o dei guanti che esercitano anche un piacevole massaggio, rigenerante e rivitalizzante. Per concludere non può mancare una crema corpo dalla texture ricca e nutriente, piacevole al tatto e con un profumo rilassante oppure una crema anticellulite o, per chi desidera prolungare il momento di benessere, l’applicazione di fanghi. Importante è anche il massaggio, con movimenti lunghi e lenti fino a completo assorbimento della crema, fonte di benessere e benefici anche per la circolazione».

È possibile approfittare del soggiorno “forzato” a casa per prendere un po’ di sole?
«La moda di iperproteggerci non è poi così salutare. È vero che troppo sole fa male: aumenta il rischio di tumori cutanei, invecchia la pelle, fa venire le rughe e le macchie. Ma il sole non è un nemico e va preso a giuste dosi. Il sole attiva la Vitamina D della quale ne abbiamo assolutamente bisogno. Quindi via libera all’esposizione solare anche nelle ore centrali purché protetti da una fotoprotezione alta per evitare scottature ed eritemi».

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi