MondoPickNews

Non solo Libra, negli Usa arriva Facebook Pay

Un sistema per scambiarsi denaro e fare acquisti che funzionerà su tutte le app di Facebook, comprese Messanger, Instagram e WhatsApp. Ma Zuckerberg non ha intenzione di abbandonare la sua criptovaluta

Tutti aspettavano Libra, invece arriva Facebook Pay. Zuckerberg ha presentato la nuova piattaforma per i pagamenti digitali che funzionerà su WhatsApp, Messenger e Instagram, oltre che su Facebook. Un lancio che coglie un po’ tutti di sorpresa, perché la società di Zuckerberg è alle prese con la vicenda Libra, criptovaluta avversata e pesantemente ridimensionata dall’addio di alcuni partner eccellenti come Visa e PayPal. E nulla lasciava presagire che Facebook stesse lavorando su più fronti. Invece per Zuckerberg, evidentemente, la strada dei pagamenti digitali non può essere rimandata.

LEGGI ANCHE: Trump contro Libra: «Se Facebook vuole diventare una banca rispetti le regole»

Facebook Pay sarà disponibile negli Stati Uniti già questa settimana e funzionerà su Facebook e Messenger. L’apertura a Instagram e WhatsApp, invece, avverrà più avanti e probabilmente in coincidenza con il lancio internazionale della piattaforma. Il servizio potrà essere utilizzato con i principali circuiti di carte di credito e con PayPal, società che qualche settimana fa ha rinunciato al progetto Libra. L’abbandono del progetto da parte di eBay, Visa, Mastercard e altre grandi società attive nella gestione dei pagamenti ha messo in difficoltà Libra, ma Zuckerberg ha spiegato in più occasioni di volere comunque proseguire con il suo piano. Facebook Pay in questo senso potrebbe servire a Facebook per dimostrare l’affidabilità dei propri sistemi, con una soluzione basata sulle monete tradizionali e circuiti di pagamento ampiamente affermati come quelli classici delle carte di credito e PayPal.

Alcune opzioni di pagamento erano del resto già disponibili su Facebook, per esempio per fare donazioni o piccoli acquisti attraverso la sezione Marketplace, mentre in alcuni paesi la società aveva già sperimentato i piccoli trasferimenti di denaro tra utenti tramite Messenger e WhatsApp. La novità di Facebook Pay sta quindi principalmente nell’avere messo ordine tra i servizi già disponibili, con l’obiettivo di farli crescere.

Facebook, inoltre, da diverso tempo lavorando a una migliore integrazione tra le sue applicazioni. La società aveva già annunciato tempo fa di volere unificare il sistema che gestisce le chat di Messenger, WhatsApp e Instagram, per offrire agli utenti un servizio più pratico. La scorsa settimana, a tal proposito, è stato annunciato un nuovo logo pensato per essere usato dalle varie applicazioni e attività dell’azienda, in modo da far crescere la consapevolezza tra gli utenti di utilizzare un’app di Facebook quando mandano un messaggio con WhatsApp o quando pubblicano una fotografia su Instagram.

Tags

Related Articles

Back to top button
Close