ItaliaPrimo Piano

Vacanze, gli italiani spendono il 25% in meno rispetto al 2019

Secondo Coldiretti la spesa media a persona crolla a 588 euro. Hanno inciso ferie più corte, destinazioni vicino casa e la volontà di dedicare più spazio al relax familiare

La spesa media degli italiani destinata alle ferie estive crolla a 588 euro per persona con un calo netto del 25% rispetto allo scorso anno. Tutto questo è dovuto alla scelta di ferie più brevi, con destinazioni meno lontane da casa e dedicate soprattutto al relax familiare. È quanto emerge dal bilancio tracciato dall’analisi Coldiretti/Ixè in occasione del grande esodo di agosto segnato dal bollino rosso con quasi tre italiani su quattro (73%) che hanno scelto di andare in vacanza proprio in questo periodo. Sono infatti 34 milioni quelli che hanno deciso di non rinunciare a qualche giorno di riposo, anche se la fetta è minore rispetto allo scorso anno con un calo del 13%.

Ben un italiano su 4 (25%) ha preferito una destinazione vicino casa, all’interno della propria regione di residenza. Inoltre la maggioranza ha scelto di riaprire le seconde case di proprietà o di alloggiare in quelle di parenti e amici o in affitto, ma nella classifica delle preferenze ci sono nell’ordine anche campeggi con i camper molto gettonati mentre sono in sofferenza gli alberghi. Ma anche il periodo di vacanza si è accorciato scendendo sotto i 10 giorni.

LEGGI ANCHE: Turismo, luglio senza stranieri costa tre miliardi

«Per la metà dei viaggiatori (50%) – precisa Coldiretti – la spesa per persona è al di sotto dei 500 euro, per il 34% tra i 500 ed i 1000 euro, per il 12 % tra i 1000 ed i 2000 euro mentre percentuali più ridotte supereranno questo limite». Alla riduzione della spesa degli italiani si aggiunge una estate praticamente senza stranieri in vacanza nel Belpaese a causa dalle preoccupazioni crescenti e dei vincoli alle frontiere resi necessari per affrontate l’emergenza coronavirus. «Una situazione che pesa soprattutto sulle città d’arte che risentono più notevolmente della loro mancanza ma – sottolinea Coldiretti – gli stranieri prestano anche particolare attenzione alla qualità dell’alimentazione per la quale destinano una quota elevata della spesa durante la vacanza».

La ricerca dei prodotti tipici è diventata un ingrediente importante delle vacanze in un Paese come l’Italia che è leader mondiale del turismo enogastronomico «potendo contare sull’agricoltura più green d’Europa con 305 specialità ad indicazione geografica riconosciute a livello comunitario e 524 vini Dop/Igp, 5155 prodotti tradizionali regionali censiti lungo la Penisola, la leadership nel biologico con oltre 60mila aziende agricole biologiche».

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi