Economia

Palestre e piscine, con lo stop a rischio un settore che vale 10 miliardi

Possibile lockdown per i centri sportivi risparmiati dal Dpcm di ottobre. Anif: «L'incidenza di chi frequenta le strutture e i malati di Covid è bassissima, pari all'1 per mille»

«La sensazione diffusa è che non si andrà verso un ulteriore inasprimento delle misure restrittive: la risposta che il settore ha dato al governo dopo gli ultimi controlli è stata più che positiva. Le norme vengono rispettate, l’incidenza di chi frequenta le strutture e i malati di Covid è bassissima, pari all’1 per mille. Non c’è motivo di chiudere tutto, al momento». A sostenerlo, e augurarselo, è Giampaolo Duregon, presidente dell’Associazione Nazionale Impianti sportivi e Fitness.

Dopo lo scontro nel Governo, tra il ministro della Salute Speranza, che avrebbe voluto chiudere subito palestre e attività sportive, e il ministro per le politiche giovanili e lo sport Spadafora, che si è opposto alla serrata del settore, la mediazione aveva portato a concedere una settimana, per valutare l’andamento dei contagi ed elaborare regole più restrittive.

LEGGI ANCHE: Nuovo Dpcm: niente lockdown totale, ma coprifuoco e chiusura delle attività «non essenziali»

Ma il nuovo Dpcm, che sarà emanato nelle prossime ore, sembra non risparmiare dalla chiusura palestre piscine e centri fitness. I danni che possono derivare alla filiera dello sportsystem erano stati denunciati già a marzo in occasione del primo lockdown dalle associazioni di categoria – Assosport, Assofitness e Anif-EuroWellness – secondo cui lo stop a centri, palestre, piscine e campi disseminati in tutta Italia metteva seriamente a rischio l’occupazione di più di 1 milione di persone che a vario titolo sono impegnati nel settore.

Come certificato dagli ultimi dati elaborati da Unioncamere e InfoCamere, l’universo imprenditoriale del fitness è rappresentato al 30 giugno 2019 da circa 23mila operatori. In particolare, si contano 5.167 imprese attive nella gestione degli impianti, 5.100 nella gestione di palestre e 4.986 club sportivi, cui si sommano 8.217 organizzazioni sportive e di promozione di eventi legati allo sport. Il giro d’affari stimato per le attività sportive non agonistiche legate al fitness in Italia è di circa 10 miliardi l’anno. Per quanto riguarda lo Sport Industry in senso lato, secondo i dati del Cerved, prima dell’emergenza Covid-19 , il comparto della produzione di attrezzature, calzature e abbigliamento di carattere sportivo ha raggiunto un fatturato annuo aggregato di 13 miliardi di euro.

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi